martedì, Aprile 13, 2021

Continua l’opera di restauro del complesso di Santa Margherita

In primo piano

Finalmente il cantiere per il restauro dell’ex convento di Santa Margherita entra nella complessa fase della realizzazione dei barbacani avendo ricevuto l’attesa autorizzazione dal Genio Civile il 16 febbraio.
Lunedì all’alba sarà trasportata sul piazzale di santa Margherita la gru automontate.
Un’altra meravigliosa opera renderà ancora più bella la nostra isola e ancora più attrattiva per un turismo culturale.

L’Assessore Rossella Lauro con delega ai lavori pubblici ha commentato: “Un bene che in 5 anni abbiamo scelto di acquisire dal Demanio, ne abbiamo predisposto il progetto, abbiamo cercato il finanziamento più opportuno, lo abbiamo candidato e abbiamo ottenuto dal Ministero dell’Interno 3 milioni per un’opera di messa in sicurezza e restauro. Non è stato facile seguire le gare sia di progettazione che per l’affidamento dei lavori che dovevano concludersi entro un tempo ben preciso. Ma non ci siamo mai arresi neanche quando si alternavano i responsabili nell’ufficio tecnico, neanche quando si passava dal codice degli appalti, alle successive modifiche per poi arrivare al decreto sblocca cantieri.
A settembre abbiamo aperto il cantiere e oggi entriamo nel vivo dei lavori più importanti. Ne sono felice e non vedo l’ora di ammirare l’opera realizzata per poterla mettere a disposizione come spazio per gli eventi di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022. Come abbiamo scritto nel dossier di candidatura di Procida 2022 ‘un vuoto architettonico che verrà riempito da iniziative sociali e culturali’.

Ringraziamo la società ANC Costruzioni che segue i lavori, l’Ing. Candela Direttore dei Lavori e tutti i professionisti che a vario titolo collaborano per il progetto.
In modo particolare un Grazie a Rosalba Iodice che ci ha sempre sostenuti in questa folle idea diventata realtà.”

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Carmine continua pericolosamente lo sciopero della fame. I cresimandi si assembrano in cattedrale e non perdono il vizio

Gianni Vuoso | Quanti interventi, quante parole, quante decisioni assurde e discutibili. Viene voglia solo di restare in silenzio...
- Advertisement -