fbpx

Eccellenza. L’Ischia «incassa» e ritorna sul mercato

ECCELLENZA | LICCARDI HA FATTO LA SUA SCELTA: IL CLUB GIALLOBLÙ NON AGIRÀ DI CONSEGUENZA

Must Read

A distanza di cinque giorni dall’inizio della preparazione (il raduno è previsto per il 2 agosto), l’Ischia all’improvviso si ritrova senza centravanti. Vincenzo Liccardi si è accasato al Matese in Serie D, una settimana dopo l’accordo con la società gialloblù, con tanto di firma in calce alla lista di tesseramento. Il clamoroso dietro-front del centravanti che ha chiuso la stagione nel San Marzano, ha suscitato clamore negli ambienti pallonari napoletani e non, tra i social così come tra i siti calcistici specializzati. La prospettiva di ritornare a giocare in Serie D a trentatré anni, la possibilità di recarsi a Piedimonte Matese in auto in tempi ragionevoli (Liccardi abita nella provincia di Caserta), dunque non troppo lontano da casa, oltre a giocare in una squadra in grado di conquistare la quarta salvezza di fila, avrebbero indotto l’attaccante a considerare l’ipotesi di fare una brutta figura con l’Ischia. Usiamo il condizionale perché non è stato possibile rintracciare Liccardi, chiaramente in imbarazzo per questa situazione.

Da più parti riferiscono che la questione non è sorta per problemi relativi all’ingaggio visto che quando Liccardi è sbarcato a Ischia, c’è stato accordo su tutto. E’ destino che il centravanti non debba indossare la maglia gialloblù. Nove anni fa pesò la scelta di Campilongo, adesso il discorso è ben diverso.

A rimanerci male (usando un eufemismo) non è stato il solo d.s. Lubrano che lo conosce da tempo ma anche qualche addetto ai lavori che lo ha visto crescere, introducendolo nel mondo del calcio. Insomma, una brutta storia che tuttavia è già stata liquidata in quattro e quattr’otto dai tifosi. C’è chi è rimasto stupito dalla mancanza di rispetto verso la piazza (il Matese farà pure la D ma resta pur sempre una meteora nel firmamento del calcio regionale e nazionale), ma c’è anche chi ha sottolineato che la perdita non è così grave e che sul mercato si può rimediare. Come capita di sovente in situazioni del genere, l’Ischia ha lasciato perdere ed è probabile che il segretario gialloblù Mattera inserirà la lista firmata da Liccardi in una remota cartella del proprio p.c., a futura memoria. Non è la prima né l’ultima volta che un calciatore firma due tesseramenti, sperando nella benevolenza della prima società. L’apposito ufficio della Figc avrebbe aperto un procedimento ed a subire le maggiori conseguenze sarebbe stato proprio Liccardi (i due club avrebbero potuto ricevere un deferimento).

PROPOSTO VITELLI – Nelle ultime ore, negli ambienti calcistici continentali, è circolata la voce del possibile interessamento dell’Ischia per il trentunenne attaccante Francesco Vitelli, nella scorsa stagione in forza all’Agropoli (cinque le reti realizzate) dopo una parentesi a Melfi in cui ha giocato insieme a Saurino. In realtà, Vitelli sarebbe stato proposto all’Ischia e non ci sarebbe alcuna trattativa in corso. L’esperta punta originaria di Cosenza nelle ultime stagioni ha fatto anche la prima punta ma sostanzialmente nasce come un esterno ed è sulla fascia che dà il meglio di sé. Evidentemente Buonocore insiste sul classico centravanti d’area di rigore e di sicuro Liccardi, benché non abbia mai fatto della prolificità la sua caratteristica principale, sarebbe stato meglio inquadrabile sul piano tattico. In attesa di prendere una decisione in merito al portiere under Gemito che oggi sarà sull’isola per sostenere un provino (potrebbe essere affiancato a Mazzella se si troverà un’intesa con quest’ultimo), Lubrano si è rimesso alla ricerca della punta centrale e dell’esterno offensivo per completare l’undici-base che dal 4 settembre dovrà confrontarsi con Pompei in primis (se sarà “dirottato” nel girone A), Albanova, Napoli United e Savoia, oltre a qualche outsider come potrebbero essere le due squadre di Ercolano.

LA MONTAGNA-UTD – Intanto il Napoli United ha ufficializzato l’acquisto di Giuseppe La Montagna, in predicato di vestire la maglia dell’Ischia che poi ha virato sull’ex Puteolana De Simone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

MAXIRISSA DA MOVIDA, ACCOLTELLATO FUORI AL NIGHT

I poliziotti grazie al sistema di videosorveglianza hanno potuto quantificare la partecipazione di 50 soggetti, tra “muschilli”, minorenni sparsi un po’ ovunque e tanti maggiorenni. La vittima è un casertano in vacanza sull’isola, ma dopo le cure dei sanitari è stato dimesso dal “Rizzoli”. Non ha potuto fornire informazioni utili per individuare il responsabile
In evidenza

MAXIRISSA DA MOVIDA, ACCOLTELLATO FUORI AL NIGHT

I poliziotti grazie al sistema di videosorveglianza hanno potuto quantificare la partecipazione di 50 soggetti, tra “muschilli”, minorenni sparsi un po’ ovunque e tanti maggiorenni. La vittima è un casertano in vacanza sull’isola, ma dopo le cure dei sanitari è stato dimesso dal “Rizzoli”. Non ha potuto fornire informazioni utili per individuare il responsabile