Società

Il Polpettone, online il “sistema D’Avino”

E’ online. Il film – inchiesta “Il Polpettone” di Raffaele Imbò, come vi avevamo annunciato in anteprima qualche giorno fa da queste stesse colonne, è stato messo online ed è visibile, davvero, a tutti attraverso la piattaforma video “Youtube”.

“Giuliana D’Avino, nel settembre 2014 ad un suo collega: “Questo ragazzo ha pepe”. Aveva ragione.” Questa è la frase che apre questo lavoro indipendente, realizzato dal nostro Raffaele e che racconta, senza mezzi termini e senza alterazioni (nessuno sapeva di essere stato ripreso per ben 5 anni) la vita all’interno dell’Istituto Alberghiero di Ischia durante gli anni in cui, a reggerlo, vi era la dott.ssa Giuliana D’Avino, personaggio entrato in conflitto con studenti, famiglie ed esterni dal mondo scolastico.

Scene iper-reali, alternate a momenti in cui è lo stesso autore, Raffaele Imbò, a presentarsi al pubblico, seduto su una grande poltrona, per sottolineare alcuni aspetti ed introdurre i nuovi spezzoni. Spesso come voce fuori campo, spesso in primo piano, Raffaele racconta, con dettagli personali, il suo “viaggio” negli anni della scuola superiore, ponendo l’accento sui meccanismi attivati dalla preside e su cosa accadeva all’interno del corpo docente e studentesco.

Un film denuncia chiaro e forte che, immaginiamo, avrà serie ripercussioni anche perché, come afferma lo stesso autore, mette a nudo le istituzioni scolastiche italiane, non solo la nostra di via FondoBosso.

 

 

IL FILM

Il Polpettone è un film-inchiesta indipendente che narra le orribili dinamiche che costituiscono gran parte del lacunoso tessuto interno di molti Istituti scolastici italiani.

Nessun giornalista, nessun regista affermato, nessun reporter esterno: il punto di vista è il mio, quello di uno studente interno, che registra contro ogni regolamento gli incredibili modi di agire di docenti e della stessa preside giorno per giorno. Archivia qualsiasi conversazione, mese dopo mese, anno dopo anno.

La singolare esperienza vissuta insieme ad altri compagni prenderà una piega sinistra e decisamente surreale.

 

1 Comment

Click here to post a comment