mercoledì, Marzo 3, 2021

Il sindaco ORSA scrive agli utenti: “Vi chiediamo scusa noi per i disagi, ma non è colpa nostra”

In primo piano

Giosi Ferrandino: “Ischia non perdere l’occasione Recovery”

https://youtu.be/hXXKLSQURO8 Gaetano Di Meglio | Con l'eurodeputato PD, Giosi Ferrandino, una riflessione sul governo Draghi, le possibilità del Recovery Fund...

Reazione Caruso, asfaltato De Siano: “Vuol fare i paragoni sugli incassi del porto? Cosa ha fatto per Serrara Fontana da Senatore?”

L''interrogazione di De Siano contro Del Deo ha una reazione. Immediata, dura, precisa. E arriva dal sindaco di Serrara...

De Siano vs Del Deo, missile parlamentare. Il senatore interroga Lamorgese sugli scandali foriani

Il senatore interroga Lamorgese sugli scandali foriani ...il Ministro in indirizzo non ritenga necessario esercitare il compito di vigilanza, assumendo iniziative per verificare la reale situazione del Comune di Forio e delle altre amministrazioni comunali, al fine di accertare eventuali responsabilità...

I sindacati  e i lavoratori dell’OR.S.A. chiedono scusa ai tanti ischitani che soffrono per i disservizi dell’azienda guidata dalla “Ferragni dei trasporti”, il presidente De Gregorio.

Un comunicato stampa, dai toni duri che, senza mezze misure, mette a nudo le responsabilità non solo della dirigenza dell’azienda “regionale”, ma anche di quella relativa al cantiere di Ischai

“Siamo profondamente rammaricati e dispiaciuti – scrivono dall’ OR.S.A. Trasporti – per i disagi legati al servizio di trasporto pubblico EAV di Ischia, che toccano in particolar modo studenti e lavoratori. Questa Organizzazione Sindacale da tempo sta combattendo e denunciando lo stato di fatiscenza degli autobus e le innumerevoli inefficienze del servizio di manutenzione. I conducenti sono alle prese con numerose problematiche e spesso si assumono responsabilità non proprie pur di “uscire in servizio” con mezzi che poi, purtroppo si fermano per strada».

“Vi chiediamo scusa noi per i disagi , lo facciamo noi al posto della nostra azienda, ma ci teniamo a sottolineare che non è colpa nostra”

I lavoratori e le lavoratrici dell’OR.S.A. sindacato, del deposito EAV di Ischia

Una fotografia tragica nel suo desolante realismo che, in molti vivono sulla propria pelle e che abbiamo denunciato con frequenza su queste colonne.

«E’ assai triste – continua il comunicato dei sindacalisti – vedere alle fermate gli utenti costretti ad attese snervanti, per non parlare delle condizioni di viabilità disastrose lungo tutto il territorio isolano. I problemi sono tanti, anche legati ai tempi di percorrenza, ma il disagio più grave è rappresentato dall’esiguo numero di bus disponibili che non riescono a soddisfare le esigenze di mobilità della popolazione, soprattutto in questa lunga stagione turistica ancora in corso. Il vero problema è che latitano gli interventi da parte della dirigenza dell’EAV, non mettono in campo nessuna iniziativa tesa a contenere i disagi».

Un’utenza, quella ischitana, che è schiacciata da una forbice malefica. Da un lato la dirigenza EAV,  dall’altro, invece, la colpevole complicità degli amministratori pubblici che non fanno nulla. Che lasciano studenti, pendolari, lavoratori e utenti del servizio pubblico in balia di corse saltate, ritardi ingiustificati e tanto altro.

«Questo non è un comunicato stampa – evidenziano gli uomini e le donne delle OR.S.A. – ma è più una lettera aperta indirizzata a tutti coloro che stanno subendo le conseguenze di questa situazione ormai al collasso. Noi lavoratori stiamo facendo di tutto per sollecitare interventi celeri e risolutivi, che diano finalmente il segnale del rilancio del trasporto pubblico in Campania, e non solo l’annuncio… stiamo mettendo da parte le questioni interne legate al personale di guida, stiamo puntando solo all’efficienza del servizio dei bus ma, è disarmante guardare le tante, troppe persone che invano attendono un mezzo per poter raggiungere la propria meta, gli studenti che non riescono arrivano tardi a scuola, subendo segnalazioni e richiami, i lavoratori ed i turisti loro malgrado travolti da quest’odissea che in questi giorni sta pericolosamente degenerando. Vi chiediamo scusa noi per i disagi – ecco le parole durissime – , lo facciamo noi al posto della nostra azienda, ma ci teniamo a sottolineare che non è colpa nostra e che siamo e saremo sempre al vostro fianco, siamo tutti colpiti dalla stessa inefficienza gestionale… quella dell’EAV.»

E i sindaci fanno finta di niente. Il vicesindaco di Ischia, Raffaele Di Meglio, delegato dei primi cittadini farebbe bene a dimettersi insieme ai vari comitati e movimenti che servono solo come passerella mediatica a dirigenti senza scrupoli e con la necessità di promozioni aziendali e primi cittadini, evidentemente, intenti a far altro che difendere gli utenti.

- Advertisement -

4 Commenti

  1. A chi volete prendere per il culo con queste dichiarazioni !?
    Siete tutti una massa di lecchini raccomandati.(forse di Franco Iacono?)
    I primi sono stati i meccanici che hanno fatto il business sui pezzi di ricambio e sulle riparazioni.
    Il più fesso di voi ha un doppio/triplo lavoro-attività
    Vi siete costruite ville con piscine abusive.

    Avete collaborato a portare l azienda allo sfascio .
    Un po’ come hanno fatto quelli della caremar con il business del gasolio .
    Raccomandati,almeno tacete!

  2. Insomma non è colpa dei dipendenti non è colpa dei dirigenti (gli amministratori pubblici non fanno testo)allora è colpa degli utenti

  3. Scuse un corno! Il biglietto lo pretendete voi. È quando un passeggero non c’è l ha siete voi a fare la multa. Quindi niente scuse.

  4. Ma possibile che già partendo dal porto la fermata successiva non si ferma perché sono stra pieni non è possibile mettere un bus scolastico per i ragazzi che rimangono li ad aspettare il bus

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Giosi Ferrandino: “Ischia non perdere l’occasione Recovery”

https://youtu.be/hXXKLSQURO8 Gaetano Di Meglio | Con l'eurodeputato PD, Giosi Ferrandino, una riflessione sul governo Draghi, le possibilità del Recovery Fund...
- Advertisement -