lunedì, Marzo 8, 2021

Serrara Fontana. La proposta dell’opposizione: destinare i fondi delle luminarie ai buoni spesa

In primo piano

Il saltino. Paura delle dimissioni: Gianluca Trani passa in maggioranza come Antonio e Antonello. Da semplice consigliere comunale

Gaetano Di Meglio | Termina la crisi politica di marzo del comune di Ischia. Gianluca Trani passa da “Ischia...

La “messa” in sicurezza è finita, aprite in pace la “Parrocchia” di Casamicciola

Il comune preme sulla Curia per restituire al culto il sacro luogo. L’occasione è data dalle imminenti festività pasquali. Castagna tuona:“Non posso esimermi dall’informarVi che nulla osta all’utilizzo dell’immobile, pertanto a partire dal 15 marzo 2021 sarà cura del comune assicurare l’apertura della Basilica tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 13 esclusi il sabato e la domenica, salvo ulteriori disposizioni“

Enzo Ferrandino: “Non ci interessa una operazione zeppa”

Il sindaco azzera i malumori dei suoi e liquida l’apertura di Ottorino Mattera: “apriamo alle forze responsabili”. Una buona “valutazione” per Gianluca?

Rinunciare alle luminarie in questo Natale reso così diverso dalla pandemia, ma impiegando per una giusta causa i soldi risparmiati, per aiutare chi si trova in gravi difficoltà a causa della crisi economica. E’ questa la proposta dei consiglieri di opposizione di Serrara Fontana Roberto Iacono, Palma Iacono Clotilde Trofa e Umberto Di Iorio.

Nella nota inviata al sindaco Rosario Caruso, al segretario comunale, a responsabile dell’Ufficio Finanziario e per conoscenza ai consiglieri comunali, gli esponenti della minoranza chiedono appunto di destinare i fondi delle luminarie per i buoni spesa per acquisti di generi di prima necessità.

In premessa infatti evidenziano «che a seguito dell’emergenza sanitaria il nostro territorio è stato colpito da una grave crisi economica; che numerose sono le famiglie nei mesi scorsi non hanno potuto beneficiare dei buoni spesa a causa dell’esaurimento dei fondi ad essi destinati; che vi è il fondato timore che a causa delle numerose domande inoltrate negli ultimi giorni dagli aventi diritto numerosi siano i nuclei familiari impossibilitati a beneficiarne».

Dunque «chiedono alle SS.LL. ognuna per propria competenza che i fondi per le luminarie natalizie siano destinati in favore del fondo per i buoni spesa destinati alle famiglie in condizione di particolare disagio economico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19».

Un Natale senza luci è sicuramente triste, ma visto che in molti comuni i cittadini dovranno abituarsi a questo triste scenario, è giusto che almeno si pensi ad aiutare chi si trova in condizioni di necessità. Soldi ben spesi, insomma, e non risparmiati per essere poi sperperati in iniziative inutili. E’ questo il senso della proposta che ci auguriamo venga accolta e dovrebbe essere avanzata anche in altre realtà, vista la drammatica situazione di tante famiglie.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Riflessione sul Venerdì Santo, il grido di dolore de “I Ragazzi dei Misteri”

Con chiarezza e frasi dirette "I Ragazzi dei Misteri" illustrano la situazione in cui vive l'associazione e le prospettive...
- Advertisement -