fbpx

Emancipiamoci! |#4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 29 settembre 2021

Must Read

Sono solidale con il Sindaco di Sapri, che negli ultimi giorni è diventato bersaglio di ferocissime critiche per il presunto sfondo sessista della nuova scultura raffigurante la nota “Spigolatrice”.

Pensate se, per un attimo, qualche buontempone di passaggio per Ischia ritenesse volgare perché oggetto di sindrome fallica la forma del Fungo di Lacco Ameno, chiedendone la demolizione; o qualcun altro giudicasse offensiva per l’infanzia la bella scultura donata dal compianto Nino Basile al Comune di Ischia e posizionata nell’aiuola antistante il Municipio; o ancora, che le curve della Cupola di San Pietro a Pantaniello, sul Castello Aragonese, fossero nate da un ispirazione progettuale derivante da un corpo femminile e, quindi, costituissero motivo di messa in discussione della sua stessa essenza.

Lo dico e lo ripeto: l’Italia, in un periodo in cui tutti compiamo sacrifici enormi pur di risalire la china, sta toccando punte di ridicolo mai viste prima d’ora nel dedicare attenzione a falsi problemi e ad un politically correct del tutto fuori luogo. E il fatto stesso che uno come me sia costretto a doverne parlare più volte nel giro di poche settimane, dimostra che questi autentici millantatori del verbo, portatori di una subcultura che forse non meriterebbe neppure tale sminuente appellativo, stanno in qualche modo riuscendo nel loro intento perverso di allontanare l’attenzione da quel che conta sul serio e guadagnare credito sulla pelle di un populismo molto sinistrorso e mai troppo sopito.

Mi piacerebbe che Ischia, come realtà insulare ma soprattutto quale punto di incontro di gente proveniente da ogni parte del mondo, traesse finalmente giovamento da questo suo essere “meta di tutti e di tanti”, tesaurizzando in modo tanto attuale quanto proficuo il contributo di culture diverse e, soprattutto, del confronto che abbiamo con esse per buona parte dell’anno. Sarebbe un modo diverso di emanciparci e, perché no, distinguerci dal gregge.

foto: ilmattino.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Contro l’ex cartello del Golfo di Napoli l’Antitrust prende tempo: altri 60 giorni

L’Antitrust, alla luce della propria delibera adottata il 14 gennaio 2020 ha ritenuto necessario prorogare il termine di chiusura del procedimento al fine di garantire alle parti un pieno esercizio dei diritti di difesa. Il termine di conclusione del procedimento è stato cosi prorogato al 31 dicembre 2021