martedì, Aprile 13, 2021

Cin cin, Covid (non solo scuole) | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 27 febbraio 2021

In primo piano

Nel comunicare la chiusura delle scuole in Campania da dopodomani, il governatore De Luca ha evidenziato i diversi casi di variante inglese fra gli studenti e la necessità di completare il piano vaccinale tra il personale docente e non docente; elementi, questi, che hanno fatto il paio con una situazione definita “assolutamente drammatica”. Ma soprattutto, egli ha puntato il dito contro il governo Draghi, sottodimensionando le aspettative diffuse verso gli auspicati miracoli dell’ex Presidente della BCE, invitando tutti ad avere pazienza e a non aspettarsi l’impossibile, anche perché “la forte presenza di tecnici in questo governo creerà difficoltà nei rapporti con il territorio”.

Devo dire che appena pochi giorni fa la sua ennesima (ma stavolta motivata) minaccia sul rischio della Campania di ritornare in zona rossa qualora l’indice di contagio dovesse restare uguale anche la prossima settimana, aveva posto in evidenza l’impossibilità di tollerare il menefreghismo e la voglia di normalità ad ogni costo dei nostri concittadini. Non riesco a capire, però, come mai la strategia di De Luca penalizzi di nuovo la scuola ma la sua voce continui a mancare nei confronti della scarsità di controlli da parte delle Forze dell’Ordine, a cui dovrebbe chiedere maggior presenza e incisività sul territorio.

Domenica scorsa ho ricevuto la telefonata di un fraterno amico napoletano, il quale mi segnalava che passando poco prima tra Piazza Amedeo e dintorni, vi era un’indicibile quantità di giovani intenti a consumare drink da asporto fuori ai tanti locali della zona, ma che la stragrande maggioranza di essi non portava la mascherina. E a distanza di ormai un anno dall’inizio della pandemia, notiamo ancora tantissime mascherine portate sotto il naso, tanto lungo le strade quanto -peggio ancora- ai banchi di servizio di alcuni negozi di generi alimentari, bar, ristoranti, pizzerie e rosticcerie.

Caro Presidente-Sceriffo, ma una incazzatina in Prefettura proprio no?

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Carmine continua pericolosamente lo sciopero della fame. I cresimandi si assembrano in cattedrale e non perdono il vizio

Gianni Vuoso | Quanti interventi, quante parole, quante decisioni assurde e discutibili. Viene voglia solo di restare in silenzio...
- Advertisement -