fbpx

Porto turistico Pascale attacca e taglia…

Lacco Ameno si appresta a ridisegnare la mappa dei “pirati”

Must Read

Ida  Trofa | Attacca ancora sul fronte porto, Giacomo Pascale, nell’attesa stagione che lo vede imporsi sulla gestione motu proprio dell’approdo turistico di Lacco Ameno, il sindaco lancia un monito: “l’era del Porto a trazione Azzurra in direzione Perrella è finita, nonostante tutti i tentativi di preservarla con qualsiasi mezzo e in ogni sede giudiziaria, l’amministratore unico della Marina di Capitello Scarl non sarà alle bitte del Fungo”.
L’estate della guerra tra maggioranza e opposizione si fa ogni giorno più calda, man mano che ci si avvicina alla scadenza del passaggio di mani sale la tensione.

In attesa che l’ex concessionario Giuseppe Perrella sferri l’ultimo attacco in nome e per conto dell’amministrata Marina di Capitello, il comune con determinazione n. 69 nell’ambito del servizio per il funzionamento dell’approdo turistico di Lacco Ameno per il periodo 1° luglio 2022 al 31 ottobre 2022 con opzione di prosieguo fino al 31 dicembre 2022 finalizza l’approvazione dei documentazione di gara ed indizione procedura negoziata. Procedura affidata al responsabile del III settore LL. PP Arch. Enzo d’Andrea.

Sette le istanze pervenute. Solo 5 invitate a presentare un’offerta
Il termine ultimo per la ricezione delle istanze di partecipazione era stato fissato al giorno 6 giugno 2022 alle ore 10:00. Sette le istanze di partecipazione depositate sotto il campanile del “Barone” Pascale. Tre pervenute sul finire di maggio tra il 30 e il 31 dello stesso mese, quattro depositate tra l’1 e il 4 giugno. Il 3 giugno ne sono state depositate ben due. La manifestazione di interesse è espletata dalla Stazione Appaltante mediante la piattaforma “TuttoGare PA” tramite la quale sono gestite le fasi di pubblicazione della procedura, di presentazione, verifica delle istanze e la successiva procedura di gara, in conformità alle prescrizioni di legge.

Il 15 giugno 2022 il Responsabile Unico del Procedimento D’Andrea ha proceduto tramite all’apertura e verifica dell’idoneità delle istanze escludendo due candidati. L’architetto napoletano ha dato atto che “risultando idonei solamente n. 5 operatori economici non risulta necessario procedere al sorteggio e procederà ad invitare gli stessi alla procedura negoziata”.
Tra volti noti del diportismo nautico e vecchi lupi di mare: Lacco Ameno si appresta a ridisegnare la mappa dei “pirati”
A rigor di norma, per garantire la segretezza dei nominativi degli operatori individuati e la genuinità del confronto competitivo, l’elenco dei soggetti che hanno fatto richiesta di invito o che hanno manifestato il loro interesse, l’elenco dei soggetti che sono stati invitati a presentare offerte ed i suddetti verbali, saranno resi pubblici dopo il termine stabilito per la presentazione delle offerte. Si parla di imprenditori del calibro dei Di Palo di Luise&Sons e, addirittura, della partecipata comunale di Ischia oltre all’immancabile proposta del gestore uscente. Così, tra volti noti del diportismo nautico e vecchi lupi di mare e volpi dei pontili, Lacco Ameno si appresta a ridisegnare la mappa dei “pirati“ che hanno mollato le ancore negli scali più prestigiosi dell’isola d’Ischia.

Meno mezzo milione di euro solo per partire
Il quadro economico del servizio, considerando l’ammontare complessivo dell’appalto stimato, comprensivo dell’eventuale opzione, è pari a complessivi € 231.138,15.
Quindi l’ente locale parte da meno un quarto di milione di euro (a cui si devono sommare le centinaia di migliaia di euro che dovrà versare in favore di Perrella a rigor di Lodo) pur di raggiungere l’obbiettivo di sfrattare l’inviso uomo del senatore Domenico De Siano. Siamo, dunque, già a mezzo milione di euro di soldi pubblici e investimenti che dovranno farsi attingendo dalle casse pubbliche solo per affrontare la stagione diportistica a venire ed evitare che Lacco Ameno resti con il porto in operativo.

Tutto pronto per il 28 giugno
Il termine per la ricezione delle offerte è stabilito alle ore 09:00 del 28 giugno 2022. L’invito alla procedura, ovviamente, non costituisce prova di possesso dei requisiti generali e speciali richiesti per l’affidamento del servizio. La procedura negoziata, lo ricordiamo avverrà con la aggiudicazione secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa per l’Amministrazione Comunale, ponendo come prezzo base soggetto a ribasso l’importo, al netto dell’eventuale opzione per un importo complessivo pari ad € 189.312,91. La procedura di gara sarà gestita, interamente in modalità telematica. Si accettano scommesse!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Ischia, arrestati due spacciatori: 103 dosi di cocaina per il mercato di Forio

Ieri sera gli agenti del Commissariato di Ischia, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato, presso lo...