giovedì, Marzo 4, 2021

Inter in rimonta sul Milan, nerazzurri in semifinale

In primo piano

Il Consiglio di Stato tentenna… Ma a Lacco Ameno è guerra di denunce anonime

Attesa febbrile per la pronuncia dei massimi giudici amministrativi sulla sorte della “fascia tricolare”: rivince Pascale o è la volta di De Siano?. Con la guerra giudiziaria e politica, prosegue la stagione dei corvi. Denunce apocrife con accuse ai politici. Accusatori e accusati fanno parte tutti della stessa barca

Giosi Ferrandino: “Ischia non perdere l’occasione Recovery”

https://youtu.be/hXXKLSQURO8 Gaetano Di Meglio | Con l'eurodeputato PD, Giosi Ferrandino, una riflessione sul governo Draghi, le possibilità del Recovery Fund...

Reazione Caruso, asfaltato De Siano: “Vuol fare i paragoni sugli incassi del porto? Cosa ha fatto per Serrara Fontana da Senatore?”

L''interrogazione di De Siano contro Del Deo ha una reazione. Immediata, dura, precisa. E arriva dal sindaco di Serrara...
MILANO (ITALPRESS) – L’Inter si aggiudica il derby di Coppa Italia contro il Milan e stacca il pass per la semifinale. A San Siro una magia su punizione di Eriksen ribalta l’iniziale vantaggio di Ibrahimovic e, assieme al rigore di Lukaku, regala a Conte la semifinale contro la Juventus o la Spal. Ritmi alti sin dalle prime battute ma al 20′ Pioli deve già rinunciare a Kjaer, sofferente dopo un duello in velocità con Sanchez: al posto del danese scocca l’ora di Tomori, al primo gettone con i rossoneri. La prima vera palla-gol della sfida è per l’Inter ma Tatarusanu – schierato tra i pali al posto dello squalificato Donnarumma – ha un gran riflesso di piede su Lukaku. Il Milan deve dunque affidarsi al proprio leader: al 31′ Ibrahimovic trasforma in oro una palla ricevuta sul limite con un diagonale che bacia il palo e non lascia scampo ad Handanovic per l’1-0. Ibra e Lukaku, però, si rendono protagonisti anche in negativo: nel recupero del primo tempo, i due centravanti arrivano quasi alle mani con il belga furioso, anche verso l’ingresso del tunnel, per qualche parola di troppo volata in attimi concitati. Conte si gioca la carta Hakimi nella ripresa al posto di Darmian, l’Inter alza il baricentro e la situazione per il Milan si complica con il secondo giallo a Ibra al 58′ per un fallo su Kolarov.
La difesa del Diavolo però crolla al 71′, quando Leao tocca Barella sul piede d’appoggio in area: Valeri lascia correre ma al Var concede il rigore, trasformato col brivido da Lukaku con l’aiuto della traversa. Il fischietto di Roma lascia la direzione di gara al quarto uomo Chiffi per un problema muscolare ma il copione in campo non cambia. Tatarusanu si supera su Lautaro e Lukaku ma al 97′ può solo ammirare il capolavoro di Eriksen, subentrato dalla panchina e al primo vero lampo della sua stagione.
(ITALPRESS).


- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

In nome del DPCM, aprite le scuole! Siamo seri, responsabili e “vaccinati”

Gaetano Di Meglio | C'è qualche sindaco che ha voglia di difendere i figli di Ischia e ha voglia...
- Advertisement -