mercoledì, Gennaio 27, 2021

Impresa Atalanta ad Anfield, 2-0 al Liverpool

In primo piano

Rispetto per i lavoratori di Villa Mercede. I sindacati si appellano al Prefetto: Preoccupati per le mancate risposte al “passaggio di cantiere”

Ida Trofa | Villa Mercede. Chiusa finalmente stagione dei ricorsi, almeno fino al Consiglio di Stato, parte la nuova...

Scoperto un traffico internazionale di “fumo”, arrestato un ventenne isolano. L’indagine è partita da Malaga in Spagna

L’organizzazione farebbe capo ad un gruppo di spagnoli che aveva ideato la consegna tramite una grossa ditta di corrieri. Oltre al giovane, T.T. di 20 anni, sono stati intercettati anche due compagni per i quali si è proceduto con la denuncia a piede libero. L’arrestato si è difeso spiegando che la sostanza proveniente dall’estero era acquistata per uso personale. I 300 grammi sequestrati non hanno convinto il pubblico ministero

Firme contro il Don. L’addolorata di Forio non si tocca!

Luciano Castaldi | Sono anni difficili, sicuramente interessanti. Ma nonostante tutto, nonostante la pandemia, le restrizioni, le privazioni di...
- Advertisement -
LIVERPOOL (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – L’Atalanta si riscopre Dea nella notte di Champions League ad Anfield. Sbagliando s’impara e così, dopo il 5-0 al Gewiss Stadium, i nerazzurri superano un Liverpool mai in partita per 2-0 (uno-due firmato nella ripresa da Ilicic e Gosens) e tornano in corsa per la qualificazione agli ottavi, tenendo il passo dell’Ajax a quota 7 e portandosi a -2 dagli inglesi. Con la ‘manità di una ventina di giorni fa ancora impressa nella memoria, la banda di Gasperini si presenta oltremanica con un piglio diverso: pur senza il peso offensivo di Zapata dal 1′, gli orobici lanciano la sfida ai Reds andando pericolosamente al tiro per tre volte nei primi dieci minuti con Ilicic, Gosens (la conclusione più pericolosa sulla quale Alisson risponde presente) e Gomez. Il Liverpool, costretto a fare i conti con l’infermeria e con un turnover scelto da un Klopp tutt’altro che soddisfatto per l’approccio dei suoi, va al tiro nel primo tempo solamente al 44′ con Salah: l’egiziano, negativizzato da qualche giorno, non centra però col destro lo specchio della porta difesa da Gollini, spettatore non pagante fino al duplice fischio dell’arbitro spagnolo del Cerro Grande. L’intervallo non serve a ordinare le idee per i padroni di casa, che non cambiano marcia e al 60’ subiscono il meritato vantaggio dell’Atalanta: a firmarlo è Ilicic, in spaccata sul cross di Gomez dalla trequarti per lasciarsi alle spalle definitivamente un 2020 difficile e riprendersi la Dea. Klopp ridisegna il proprio undici con quattro cambi in un solo slot ma dopo quattro minuti incassa un’altra rete: nuovo traversone dalla fascia sinistra, Hateboer sovrasta il subentrato Robertson e Gosens non sbaglia tutto solo davanti ad Alisson. La serata perfetta dei nerazzurri si completa poi con un’ultima mezz’ora gestita da grande squadra, con consapevolezza e solidità traghettando sino al triplice fischio il doppio vantaggio che vale un’altra splendida pagina di storia del club bergamasco.
(ITALPRESS).


- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Covid & caos scuola: Lacco ko tra assembramenti e disagi

Ida Trofa | Uscita doppi turni preso la sede della Scuola Media V. Mennella alle ore 19,30, all’uscita dei...
- Advertisement -