fbpx

Vigili urbani a Barano, la carica dei 213 candidati per 5 posti al sole

Must Read

Gaetano Di Meglio | Iolanda Baldino, uno dei dirigenti di qualità che abbiamo sull’isola, si avvia verso la fine del più “complesso” concorso isolano. Non è come quello famoso di Forio, ma questo è stato, davvero, un percorso ad ostacoli. Con la determinazione numero 249, il Responsabile Unico del Procedimento, ha ritenuto, dunque, di approvare l’elenco dei candidati ammessi, ammessi con riserva ed esclusi con le seguenti risultanze: Ammessi 213 candidati; Ammessi con riserva n.8 candidati; Esclusi n.20 candidati (di cui 7 per domande presentate fuori termine).
Dopo questo passaggio, i dirigenti del comune di Barano dovranno provvedere ad organizzare spazi e modi per la prova di preselezione che, molto probabilmente, sarà effettuata in più riprese presso la Palestra della Scuole Medie di Barano.

L’aspetto politico

Prima di vedere gli aspetti tecnici è necessario fare un passaggio molto politico.
Questo è concorso con una sola politica e una sola linea di decisione: quella di Dionigi. I nomi in lista sono tanti e, il vero traffico, è tra quelli che hanno giurato fedeltà assoluta al sindaco che scende da Fiaiano. Un concorso dove non contano più le prime cinque posizioni (e Dionigi può garantire in prima persona, sic!) ma conta il posto in graduatoria. È questa l’unica via di uscita che ha il primo cittadino che, diciamocelo, anche se conclude questo concorso, allo stesso modo avrà la bomba vigili urbani sempre pronta a scoppiare considerando la totale incapacità dimostrata dagli appartenenti fino ad oggi. Pensate che all’ingresso delle scuole medie di Barano osservano auto e studenti ben 4 vigili! Vabbè, passiamo al concorso.

Il concorso

Il concorso di cui non conosciamo ancora le date per la prima prova è stato istituito con la deliberazione della Giunta Comunale n. 144 del 09.10.2018, esecutiva a norma di legge, con la quale è stato approvato il programma triennale del fabbisogno del personale per il triennio 2018-2020 ed il piano occupazione 2018, con cui è stato deciso di assumere n. 5 (cinque) unità part time al 50% ed indeterminato di Istruttore Amministrativo di Vigilanza di categoria C posizione economica Cl da destinare al Settore Vigilanza del Comune di Barano d’Ischia.
Una volontà confermata, poi, sempre dalla Giunta Comunale il 09.07.2019, con l’approvazione del programma triennale del fabbisogno del personale per il triennio 2019-2021.
Nel 2018, tra l’altro, si è proceduto all’approvazione della comunicazione ex art. 34 bis D.Lgs 165/2001 e dell’avviso di mobilità volontaria esterna ex art. 30, comma 2-bis e comma 1 del D. Lgs. n. 165/2001 e verificato l’esito negativo delle procedure di mobilità come azionate, non pervenendo presso l’Ente alcuna richiesta di adesione il 29.01.2020 è stato dato avvio alla selezione ed è stato approvato il relativo bando pubblico nonché l’allegata domanda di partecipazione.
E’ bene leggere cosa scrive la dottoressa Buono: “Considerato altresì che con propria Determinazione R.G. n. 83/2020, in ragione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 in corso, è stata disposta, a decorrere dalle ore 00:01 del 21 marzo 2020, la sospensione della procedura concorsuale e, di conseguenza, la sospensione dei termini di presentazione delle domande di partecipazione al concorso, e che tale sospensione è intervenuta al 28mo giorno di pubblicazione del bando in Gazzetta Ufficiale;

Il 4 agosto del 2020, nel frattempo si stabiliva di riattivare la procedura e di riaprire i termini di presentazione delle domande di partecipazione, secondo le modalità già previste nel bando di concorso, per i due giorni successivi alla data di pubblicazione del relativo avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4a Serie Speciale Concorsi ed Esami, con scadenza fissata alle ore 12:00 del secondo giorno successivo alla suddetta pubblicazione, dando atto che il suddetto termine è perentorio e che nel caso in cui il termine ultimo coincida con un giorno festivo, lo stesso si intende automaticamente prorogato al primo giorno feriale immediatamente successivo, ovvero dal 12 settembre 2020 alle ore 12.00 del 14 settembre 2020.
Nel frattempo, però, è ancora la Baldino che specifica: “Dato atto che le domande presentate fino alle ore 00:00 del 20 marzo 2020, secondo le modalità previste dal bando, sono da considerarsi presentate nei termini; dato atto che le domande presentate a partire dalle ore 00:01 del 21 marzo 2020 fino alla riattivazione della procedura devono essere dichiarate irricevibili perché presentate fuori termine” e, ancora, “considerate pertanto ricevute nei termini tutte le domande presentate fino alle ore 00.00 del 20 marzo 2020, nonché quelle presentate dal 12 settembre alle ore 12.00 del 14 settembre 2020, per un totale di n.239 domande presentate entro i termini” e, ancora, considerate pertanto ricevute fuori termine tutte le domande presentate dopo il termine di sospensione del 21/03/2020, prima della riapertura dei termini del 12-14 settembre 2020.

Se a questo punto vi sentite confusi, non vi preoccupate, è successo anche a noi. Ma ora facciamo chiarezza.
Alle ore 12.00 del 14 settembre 2020, al comune di Barano sono arrivare n.17 domande irricevibili
Altre, invece, 7 domande risultano incomplete: 4 senza versamento, 2 ricevute in modo poco leggibile, 1 è priva del documento d’identità; N.1 domanda presenta dei dubbi sul soddisfacimento dei requisiti ex art.2 lett. f); N.7 domande risultano prive del CV; N.2 domande non presentano sottoscrizione dell’istanza di partecipazione; N.3 domande sono presentate da candidati che non soddisfano il requisito ex art.2 lettera b) del bando (età superiore ai 40 anni); N.1 domanda è presentata da candidato che è privo del requisito ex art.2 lettera e) del bando (possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado).

IL SOCCORSO ISTRUTTORIO: BANDO DIFESO

Nella determinazione della dottoressa Buono, però, si legge anche una approfondimento sul soccorso istruttorio e sulla certezza delle decisioni assunte e che, in qualche modo, dovrebbero tenere il comune al sicuro da potenziali ricorsi.
Valutato, pertanto, che: il soccorso istruttorio deve essere obbligatoriamente attivato, ai sensi della L. n. 241/1990, in tutti i casi in cui la domanda di partecipazione e i suoi allegati presentino dei meri errori formali; l’attivazione del soccorso istruttorio favorisce, infatti, W11ampia partecipazione dei candidati e consente di individuare, tra W11ampia platea di interessati, il miglior candidato per il posto da ricoprire, evitando di appesantire il procedimento con inutili formalismi; Ritenuto, invece, che il principio del soccorso istruttorio non può, invece, trovare applicazione nel caso di totale mancanza della domanda di partecipazione e dei suoi allegati poiché trattasi di istituto che può essere utilizzato soltanto per consentire la sanatoria di domande presenti ma irregolari; Valutato, infatti, che, nel caso in cui venisse consentita la regolarizzazione, si verificherebbe una grave violazione della par condicio tra i candidati, consentendo di fatto la presentazione della domanda di partecipazione nonostante la scadenza dei termini previsti dal bando di concorso; Ritenuto, dunque, di approvare l’elenco dei candidati ammessi, ammessi con riserva ed esclusi con le seguenti risultanze: Ammessi 213 candidati; Ammessi con riserva n.8 candidati; Esclusi n.20 candidati (di cui 7 per domande presentate fuori termine).

1 commento

  1. Questa confusione Barano la merita. Visto che a capo dell’attuale Amministrazione vi sono Illustri personaggi in primis il Sindaco selezionato a essere il responsabile della viabilità metropolitana. E poi Maronti docet Ma barano fa parte ancora della Repubblica Italiana !!!!!!!!! pietro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Gianni Mattera: parte da noi il nuovo corso di Fratelli d’Italia

La vittoria di Giorgia Meloni, di Fratelli d’Italia e della coalizione di centro destra è un momento cruciale della...
In evidenza

Gianni Mattera: parte da noi il nuovo corso di Fratelli d’Italia

La vittoria di Giorgia Meloni, di Fratelli d’Italia e della coalizione di centro destra è un momento cruciale della...