fbpx
mercoledì, Giugno 12, 2024

“Fàmolo” in strada, a Ischia | #4WD

Gli ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta informato e non perderti nessun articolo

Daily 4ward di Davide Conte del 21 maggio 2024

Mentre mi trovavo negli Stati Uniti, l’amico Raimondo Giusto (dal quale attendo sempre un invito per una “lezione” di padel che vorrebbe impartirmi, bontà sua) ha diffuso questo post su Facebook: “Sono curioso di sapere se la telecamera al porto (imbarco aliscafi) è autorizzata, e qualora lo fosse sono curioso di sapere il nome del genio che si prende la libertà di rendere virali delle immagini che non dovrebbero essere rese pubbliche (inqualificabile)”.

Purtroppo, ma non credo sia un problema, sono totalmente in disaccordo con l’opinione di Raimondo. E spiegherò il perché dopo aver raccontato a Voi Lettori di cosa parliamo, essendomi opportunamente documentato al mio rientro sull’Isola.
Esiste sul porto d’Ischia un sistema di videosorveglianza ad accesso libero, dove vengono diffuse immagini statiche dell’area portuale al fine di facilitare i compiti dei tassisti, degli operatori portuali e della Polizia Locale. Una telecamera del genere è posizionata anche nei pressi del terminal aliscafi della cosiddetta Riva Sinistra e, in piena notte, con la strada alquanto solitaria, ha “immortalato”, per così dire, una coppia etero nel corso di un rapporto sessuale orale.
E’ evidente che c’è stato qualche imprudente buontempone che nell’accedere al sistema, così come avrebbe potuto fare chiunque altro, si è avveduto della presenza di questa insolita immagine hard e ha ben pensato di passarla goliardicamente a qualche amico altrettanto sorpreso, cadendo nel più classico caso di revenge porn (altro che violazione della privacy). Il tutto, con la solita reazione a catena che, per quanto ne so, è arrivata fino ai diretti interessati, che sembra abbiano in corso la più classica delle denunce nei confronti del buontempone di cui sopra.
Tutto ciò premesso, la mia opinione è molto semplice: non mi interessa compiere alcuna valutazione ovvero esprimere giudizi sui protagonisti della vicenda, che non conosco. Una cosa è certa: è più deprecabile chi, con i figli a casa, non si faccia scrupolo di compiere atti osceni in luogo pubblico (a proposito, non rischiano nulla per questo?) come se non ci fosse un domani oppure, magari, un posto più riservato dove darsi da fare liberamente, o chi ha fatto il “rattusiello” della situazione e il “coglion-fenomeno” nel diffonderne l’immagine a destra e a manca? E, peggio ancora di loro, come andrebbe valutato il comportamento di tutti i perbenisti che difendono i primi per la presunta violazione della loro privacy e condannano senza appello il secondo alla stregua di un poveraccio, guardone, manomortista e onanista seriale che non aveva di meglio da fare? E’ ‘na bella lotta!

[sibwp_form id=1]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gli ultimi articoli

Stock images by Depositphotos