fbpx
sabato, Aprile 20, 2024

Cani, elicotteri, militari: si cerca Antonella senza sosta nei cavoni di Succhivo

Gli ultimi articoli

L’utilizzo dei cani molecolari (sono tre e si fanno dei turni) arrivati da Napoli, di un elicottero dei Vigili del Fuoco, dei militari dell’Esercito Italiano presso il Palazzo Reale di Ischia, colleghi di Mimmo Raco, le forze dell’ordine e i tanti volontari di protezione civile sono impegnati nelle ricerche di Antonella Di Massa, la donna che ha fatto perdere le tracce sabato alle ore 12.17.

L’ultimo contatto con la donna, che indossava un giubbino blu con cappuccio in pelle chiara e pantaloni scuri, è stato quelle del sistema di videosorveglianza della Chiesa di Succhivo nelle cui adiacenze c’è un piccolo viottolo che apre ai cavoni che scendono giù da Serrara e che si presentano impervi e scoscesi.

La donna, in passato, aveva partecipato ad alcune manifestazioni organizzate dalla Pro Loco Succhivo ed era rimasta affascinata dai luoghi. E’ questa l’ipotesi più accreditata che induce i ricercatori ad insistere in quella zona.

Le forze dell’ordine impegnate nelle operazioni di ricerca, tuttavia, hanno escluso che la donna abbia potuto lasciare l’isola via mare. Un ulteriore dettaglio che spinge ad incrementare le ricerche tra la vegetazione, le cantine e gli anfratti tra Succhivo e Sant’Angelo.

Nel frattempo, del caso di Antonella Di Massa, è stata interessata sia “Chi l’ha visto?”, la trasmissione RAI specializzata in questa materia sia altri quotidiani nazionali. L’appello del marito, Mimmo Raco è stato raccolto da moltissimi sull’isola che, lo ricordiamo, hanno come punto di riferimento la sede dell’associazione Pro Loco Succhivo. Sono trascorse oltre 48 ore senza segnali da parte di Antonella ma si cerca ancora. Senza sosta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gli ultimi articoli

Stock images by Depositphotos