fbpx
venerdì, Giugno 21, 2024

Buonocore: “Nocerina? Non tengo conto del risultato, ma come i ragazzi approcceranno alla partita”

Gli ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta informato e non perderti nessun articolo

"Nocerina avversario importante, protagonista di una campagna acquisti di valore e di una serie di amichevoli anche contro formazioni di Lega Pro: sarà squadra più pronta"

Francesco Fiorillo | Il ritorno in campo è ad un passo, l’Ischia si appresta a vivere la vigilia del debutto ufficiale. Domenica pomeriggio la squadra gialloblù tornerà sulla terraferma per sfidare la Nocerina allo Stadio San Francesco. In un teatro vuoto, con il turno preliminare di Coppa Italia di Serie D che si disputerà a porte chiuse, la truppa di Enrico Buonocore scenderà sul rettangolo di gioco per un impegno probante.

Nella consueta conferenza stampa pre-match, il mister ha trattato diversi argomenti, partendo proprio dall’appuntamento in agenda a Nocera: “È una partita importante, pur essendo una gara di Coppa Italia. Per noi è la prima partita della stagione perché in ritiro abbiamo affrontato una compagine di Promozione e una squadra composta da calciatori svincolati in allenamenti congiunti. Abbiamo avuto tanti infortuni, alcune volte ci siamo allenati in dodici e dunque non c’è stata l’occasione di lavorare a pieno regime. Da quando siamo tornati ad Ischia, abbiamo recuperato qualche giocatore e abbiamo fatto circa due settimane di ottimo lavoro. È il primo test, sono curioso di vedere come risponde la squadra, non tengo conto del risultato, ma mi interessa capire come i ragazzi approcceranno alla sfida. Ripeto, è una partita di Coppa Italia, sarebbe importante passare il turno perché ci permetterebbe di scendere in campo ancora una volta prima dell’inizio del campionato”.

La formula della competizione prevede inizialmente partite secche, dunque senza possibilità di un doppio confronto: “Non so giudicare la formula della Coppa, non ci ho pensato. Una volta si faceva andata e ritorno, adesso è ad eliminazione diretta. Per noi è importante come test, per valutare la condizione della squadra in questo momento. Voglio capire se stiamo andando nella giusta direzione, in base anche ai concetti inseriti, mi interessa comprendere come la squadra risponde ad una partita importante contro un avversario come la Nocerina, protagonista di una campagna acquisti di valore e di una serie di amichevoli anche contro formazioni di Lega Pro, quindi troveremo sicuramente una squadra più pronta rispetto a noi”.
Sulla situazione infermeria, al centro dei discorsi negli ultimi tempi, il tecnico gialloblù ha precisato: “Abbiamo fuori due under, Patalano e Arcamone, spero di recuperare almeno uno dei due. Mattera è ancora ai box, Cibelli è squalificato e Montuori ha riscontrato un problema al polpaccio. Questi sono i giocatori che in questo momento non si stanno allenando con l’Ischia, stanno lavorando a parte”.

Tanti nuovi volti che vanno ad integrarsi con il nucleo storico, reduce dalla vittoria del campionato. Buonocore si è soffermato sull’amalgama: “Credo che adesso sia importante giocare, non abbiamo avuto questa possibilità nell’arco dell’estate, non disputando neanche una gara probante. L’amalgama arriva attraverso le partite, così come la condizione che migliora scendendo in campo. Dopo il ritiro di Palomonte, abbiamo fatto dodici giorni ad Ischia molto buoni, ci siamo allenati nel modo giusto. Sono molto contento di quanto fatto dal gruppo al ritorno sull’isola. Poi c’è la partita e sappiamo di dover andare ad affrontare una squadra che in questo momento è più pronta di noi, ha più minutaggio rispetto all’Ischia che è scesa in campo due volte, contro una rappresentativa di Promozione e contro l’Equipe Campania, eravamo dodici contati di cui sette under, la squadra era quasi tutta fuori”.

Sul livello della squadra: “Non conosciamo ancora il nostro destino in campionato, aspettiamo l’esito del sorteggio per sapere quale girone ci toccherà. Penso che sia stata costruita una buonissima squadra, il direttore Lubrano ha portato giocatori importanti, c’è un gruppo giovane e tutti gli under presi sono di prospettiva, tutti forti, è la cosa più importante perché quest’anno in Serie D devono giocare in quattro contemporaneamente. Avere giovani di una buona qualità ci porta molto avanti, abbiamo una squadra che secondo me potrà far divertire la gente. Non lo so dove potremmo collocarci, il concetto dello scorso anno resta, ma il livello si alzerà perché affronteremo categoria e giocatori differenti. Il pensiero e il modo di come approcciare una partita non cambieranno”.

Sull’importanza del test, Buonocore si è ripetuto: “Abbiamo fatto un’amichevole dopo quattro giorni di ritiro, poi non abbiamo più avuto l’occasione di disputare test. Contro l’Equipe Campania eravamo in dodici, tutti giovanissimi che hanno dovuto giocare l’intera gara: dopo otto giorni e in fase di preparazione, far giocare tutta la partita non è il massimo. Credo che l’Ischia abbia una buona squadra, considerando gli under e i calciatori acquistati che vanno ad integrarsi con il blocco della scorsa stagione. Poi il campo darà la sentenza. Su quello che si è potuto fare, sono molto fiducioso”.
Infine, una battuta sul mercato e sulla separazione da alcuni elementi: “L’Ischia non ha fatto cessioni, dopo aver vinto il campionato di Eccellenza, tutti i giocatori che sono andati via avevano mercato. Simonetti, Matute, Padin e Longo, se non hanno guadagnato il doppio dei soldi rispetto a quando erano qui, ci manca poco.

Se avessimo mantenuto la squadra dello scorso anno, quest’anno avremmo avuto un costo superiore perché tutti questi calciatori hanno raddoppiato l’ingaggio. Quindi l’Ischia non avrebbe potuto presentarsi ad un campionato di Serie D con giocatori che l’anno scorso sono stati eccezionali ma, ad esclusione di Matute, hanno una storia prevalentemente di Eccellenza. Il mercato mi soddisfa, abbiamo preso giocatori di categoria. Talamo è un buon profilo, ha giocato in Serie B e in Lega Pro, ha ancora 27 anni e non ha espresso il massimo delle potenzialità. Giacomarro è un giocatore importante, due anni fa ha vinto il campionato di Serie D. Baldassi, se non farà il grande salto, credo che avrà grande mercato in quarta serie”.

[sibwp_form id=1]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gli ultimi articoli

Stock images by Depositphotos