fbpx
venerdì, Giugno 21, 2024

Mister Mimmo Citarelli: “L’Ischia è stata straordinaria”

Gli ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta informato e non perderti nessun articolo

calcio | IL PARERE SULLE ISOLANE. “SODDISFAZIONE PER REAL FORIO E BARANO”

Cavalcata dell’Ischia Calcio straordinaria, grande soddisfazione per Real Forio e Barano che alla fine hanno raggiunto i propri obiettivi.” A bocce ferme, registriamo il parere di mister Mimmo Citarelli, che ben conosce le varie realtà isolane, anche perché ormai da anni vive stabilmente sull’isola. Il tecnico che ha patentino ‘Uefa A’, è Maestro di tecnica con paretina acrobatica uno contro uno, a settembre festeggerà quarantacinque anni di solo calcio dopo cinquecento e passa panchina nei dilettanti e trecento gare nei professionisti. In attesa di riprendere il suo ormai tradizionale stage estivo (inizio giugno) e mettersi a disposizione per i giovani calciatori che hanno intenzione di migliorare la tecnica (al campo “Calise” di Forio possono parteciparvi tutti, ragazzi isolani e vacanzieri), l’ex allenatore di Volla, Gragnano, Savoia, Ischia e Real Forio inizia con la squadra che più di tutte in questa stagione che volge al termine ha dato maggiori soddisfazioni. “In Eccellenza ha vinto la squadra che in campo ha dimostrato di essere la più forte, giocando sempre a viso aperto con un gioco propositivo – attacca Citarelli – A inizio anno non davano l’Ischia per favorita. Se le cose sono andate diversamente, questo è soprattutto merito del trio Taglialatela-Lubrano-Buonocore di aver costruito una giusta macchina, compatta, unita. Poi bisogna ammettere che in Eccellenza con questo pubblico si ha sicuramente una marcia in più per chi scende in campo. Ho seguito tutte le gare in casa e devo dire chiaramente che più di tutti il pubblico del ‘Mazzella’ merita e ha meritato il salto di categoria”.

Cosa si aspetta Citarelli nella prossima annata in Serie D? “A mio parere sono tre le cose fondamentali. Primo, confermare il blocco che ha vinto, quello che ama la squadra e faccia inserire i nuovi innesti nello spogliatoio. Secondo, confermare gli under forti isolani già in squadra e inserire e non sbagliare i nuovi under che sono fondamentali (come quando da allenatore dell’Ischia in D scelsi in un raduno ai Camaldoli Fabio Tito e Mario Finizio, ragazzi sconosciuti, prendendoli sotto nessuna indicazione e hanno giocato dieci anni nei professionisti e giocano ancora). Terzo, scegliere con competenze specifiche i nuovi innesti degli over, fondamentali sia come calciatori che come uomini perché è importante inserire in un gruppo vincente calciatori che hanno soprattutto fame di successo che non sono ‘putrefatti’ e che vengono con entusiasmo ad Ischia. Conoscendo l’isola (da calciatore e da allenatore isolano acquisito), questi aspetti sono fondamentali. Occorrono entusiasmo e voglia di giocare per l’Ischia Calcio. Sicuramente Pino, Mario e Enrico saranno attenti a tutti i particolari nella costruzione della ‘macchina Ischia’ perché, lo ribadisco, è fondamentale la costruzione della rosa iniziale”.

In casa Real Forio è arrivata una salvezza diretta anche se qualche patema non è mancato. “Grande soddisfazione per la salvezza conquistata e con la rosa attuale poteva essere centrata con qualche giornata d’anticipo – commenta mister Citarelli, responsabile del vivaio biancoverde – Il presidente Luigi Amato ci teneva tanto, ha fatto moltissimo per la squadra e tanto farà ancora per il Real Forio in Eccellenza e per il settore giovanile. Sono contento soprattutto per i ragazzi della ‘cantera’ che hanno debuttato in prima squadra. Tutti gli under vengono dal settore giovanile foriano (tranne il portiere). Il progetto ‘cantera’ della società che viene seguito dal dirigente Antonio Milanese ha portato i suoi frutti: i 2004 e 2005 di mister Diego Grieco stabilmente in prima squadra e i 2006 di mister Catello Volo. A proposito di questo gruppo, è terzo in campionato regionale e fresco di vittoria al torneo di Cesenatico, primo tra dodici squadre di varie regioni, tra l’altro continua con la partecipazione di tre squadre alla coppa Campania).

A Forio c’è un settore giovanile con circa duecento iscritti, partecipiamo a tutti i campionati, sull’isola e in terraferma, sotto la direzione tecnica mia e organizzativa di Luigi Esposito”.
Dulcis in fundo, la salvezza diretta anche del Barano che proprio in extremis è riuscito ad evitare i play-out, confermandosi ammazzagrandi. “Anche il Barano si è preso una gran bella soddisfazione – prosegue Citarelli -. La Promozione è pur sempre una categoria importante e bisognava non perderla. Dopo la retrocessione della passata stagione, pensavo ad un campionato di vertice perché conosco tutti i calciatori (tanti di categoria superiore e ottimi under).
Avevo pronosticato una lotta per entrare nei play-off. Anche a Barano fanno un ottimo settore giovanile, hanno in tutte le fasce buona qualità di ragazzi – conclude il tecnico – Sono contento per l’amico mister Biagio Lubrano, competente, serio e perbene”

[sibwp_form id=1]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gli ultimi articoli

Stock images by Depositphotos