fbpx

Il Marathon Club presente a Comiziano

Must Read

Si è svolta domenica la 5° edizione della Stracomiziano, gara podistica sulla distanza di dieci chilometri alla quale hanno preso parte circa novecento atleti. Due i portacolori del Marathon Club Isola d’Ischia presenti: Giovanni Castaldi e Raffaella Barbieri che si sono ben comportati considerando la durezza del percorso: un circuito di cinque chilometri da ripetere due volte con una salita di media pendenza ma lunga circa due chilometri che ha messo a dura prova la resistenza degli atleti.

Giovanni Castaldi dopo la maratona di Pisa conclusa con il record personale è giunto al traguardo in 39’48” correndo per l’ennesima volta sotto i 4′ al chilometro. Dopo la maratona e le ultime due dieci chilometri Giovanni ha in programma la mezza maratona di Napoli di fine febbraio. Raffaella Barbieri ha terminato la sua prova in 52’02” confermandosi atleta dal ritmo costante, una qualità che le sarà utile in vista della mezza maratona di Napoli, anche per lei suo prossimo obiettivo podistico.

Il Marathon Club Isola d’Ischia, storica squadra podistica ischitana che da circa trenta anni disputa gare su strada dai cento metri alla maratona in tutto il mondo, informa che sono aperte le iscrizioni per l’anno podistico 2023. Tutti gli appassionati di podismo che volessero entrare a far parte del meraviglioso mondo della corsa possono telefonare ai seguenti contatti: 347 2735773 – 339 5303430

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»
In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»