fbpx
giovedì, Maggio 23, 2024

I successi dei figli e delle famiglie | #4WD

Gli ultimi articoli

Daily 4ward di Davide Conte del 11 maggio 2024

Come tanti di Voi sanno, mi trovo negli Stati Uniti perché domenica scorsa c’è stata la cerimonia di laurea di mio figlio Alessandro presso la St. Andrews University di Laurinburg, in North Carolina.
Si è trattato di un percorso importante e non certo senza ostacoli per un ragazzo che a diciassette anni ha lasciato Ischia, casa sua, famiglia, affetti e amici per andare a imboccare oltreoceano una strada verso il futuro. Non sono mancati i sacrifici sia per lui sia per noi familiari, ma questo risultato, oggi, ripaga ampiamente tutti noi e ci fa guardare con serenità al futuro professionale di Alessandro, oggi probabilmente grato e consapevole della grande opportunità ricevuta e sfruttata finora nel migliore dei modi, con tanto di meglio che è in divenire.

Per una famiglia sufficientemente unita e attenta al bene di ciascuno dei suoi componenti, è certamente molto gratificante vedere che un proprio figlio sia riconoscente degli sforzi compiuti in direzione del suo avvenire. E quando ciò accade, spesso si ha la conferma che seminando bene e in terreni arati a dovere nel corso del tempo, il raccolto non può che essere prospero. 

Manco a farlo apposta, proprio ieri su Facebook ho avuto modo di vedere un reel di Gennaro Filisdeo, in arte Blackchild, figlio dei miei amici Maurizio e Ute, che già da qualche anno è diventato un deejay e producer di successo che gira continuamente il mondo svolgendo serate in location affascinanti e prestigiose. Ci incontreremo probabilmente a Miami Beach, sebbene non sia questo il motivo per cui ne sto scrivendo.

In quel breve video-selfie da Los Angeles, con la Hollywood Sign di Mount Lee sullo sfondo, Gennaro ha colto l’occasione per salutare e ringraziare proprio i suoi genitori per avergli consentito di compiere questo cammino artistico in serenità e per aver raggiunto insieme i brillanti risultati professionali di oggi. Un gesto, questo, compiuto dopo molto tempo che mancava da casa a causa del tour e che mi ha colpito molto da genitore, non solo perché conosco Gennaro sin da bambino, ma perché constatare che il valore della riconoscenza sia ancora presente in una generazione spesso troppo distratta dal mainstream e dall’emulazione sfrenata di modelli effimeri e tutt’altro che in linea con l’educazione e gli esempi ricevuti dalle proprie famiglie, rappresenta un dato estremamente confortante per il futuro.

Suvvia, forse c’è ancora un barlume di speranza affinché il mondo, nelle mani dei nostri figli, possa andare nella direzione giusta, se non migliore, di quella imboccata a suo tempo da noialtri. Crediamoci, fin quando si può!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gli ultimi articoli

Stock images by Depositphotos