fbpx

Eccellenza. Real Forio, oggi ci vuole tanto cuore e tanta testa

Must Read

Affrontare una corazzata con qualche assente di troppo sarà la missione del weekend per il Real Forio. La squadra di Angelo Iervolino sarà attesa dalla partita in trasferta contro il Napoli United. Una gara tutt’altro che semplice, a complicarla – oltre il blasone degli avversari – la lunga lista degli infortunati. Il mister, alla vigilia del confronto allo Stadio Vallefuoco di Mugnano, fa il punto sulla squadra e parla anche del lavoro di Maradona jr. Poi un passaggio sull’Ischia capolista: “Già, le assenze. Ormai un segno distintivo che sta caratterizzando quest’anno.Purtroppo, alla lista degli assenti si è aggiunto anche Sorriso che domenica ha subito in colpo sull’1-1. È rimasto in campo per darci una mano a recuperare la gara e, purtroppo, dopo la partita ne ha risentito. Ha fatto gli esame e a Mugnano non sarà dei nostri.

Inoltre, c’è anche Sirabella che aveva i sintomi di questa influenza. Speriamo di recuperarlo. Piove sul bagnato sotto questo punto di vista. Quando giochi contro squadre come il Napoli United regalargli poi degli uomini diventa complicato.Contro Maradona junior non è la prima volta che ti confronti. Non ho fatto statistiche ma volevo sapere se avessi comunque in qualche modo studiato le tue esperienze del passato e preso un po’ le misureMister Maradona ha un’idea di gioco ben precisa, fatta di aggressione avanzata e la squadra lo fa molto bene e con una grande intelligenza. Importante, poi, è stata la scelta della società di confermare dall’anno scorso l’allenatore.

E’ una squadra che ha una certa solidità e nonostante sia più forte rispetto all’anno scorso, perché sono cambiati alcuni giocatori, comunque riporta ancora quello stile di gioco. E lo stile di gioco preponderante è fatto di possesso, di tante rotazioni e anche di forza fisicaDobbiamo essere intelligenti e soprattutto dobbiamo essere tanto umili nell’approccio alla partita, perché ci sarà da soffrire e buttare il cuore oltre l’ostacolo. Solo così possiamo tirare fuori un risultato positivo anche alla luce degli assenti.

Diciamoci la verità, il risultato positivo potrebbe essere anche un bel regalo all’Ischia.Assolutamente, sì. Quando ci siamo incontrati con alcuni ragazzi e con i membri dello staff, appunto come capitato nella trasferta di Pompei e ci siamo incontrati sul traghetto, ci hanno detto: “magari questa partita sarebbe stata buona per noi in caso di pareggio o vittoria del Forio”. Noi, però, innanzitutto dobbiamo fare i conti con il nostro destino poi, ovviamente, se riusciamo a fare un regalo all’Ischia ci fa piacere, anzi ci fa più che piacere. Parlando con alcuni calciatori dell’anno scorso, ci siamo detti proprio anche questo. Mi hanno detto: “Mister, vinci tutte le partite e magari quella con noi no”. Io ho risposto: “Sì. Dove posso firmare?” Perché così è e così deve essere”.

CONVOCATI per Napoli United – Real Forio 2014 Aiello Raffaele, Capone Gianluca, Castagna Antonio, Castaldi Giuliano, Cerase Alessio, Delgado Federico, Di Meglio Andrea, Di Meglio Crescenzo, Filosa Giovanni, Guatieri Pietro, Iandoli Pietro, Iacono Francesco, Martinelli Pietro, Jelicanin Nicolas, Peluso Vincenzo Pio, Pistola Mario, Sarracino Vincenzo, Savio Pasquale, Seprano Federico Aldo, Sogliuzzo Mario
TERNA ARBITRALE. Napoli United- Real Forio sarà arbitrata dal Sig. Francesco Russo di Benevento e dagli assistenti Antonio Russo di Torre del Greco e Anthony Di Minico di Ariano Irpino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»
In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»