fbpx
giovedì, Febbraio 22, 2024

Casoria-Real Forio. Iervolino: «Non abbiamo fatto nulla. Da martedì, azzerare il conta chilometri»

Gli ultimi articoli

Mister Angelo Iervolino frena (poco) il suo entusiasmo e prova a tenere alta l’attenzione dei suoi.
“Partita sicuramente che porta una grande morale al gruppo perché sicuramente la squadra ha disputato una partita importante, una partita che ha mostrato quelle belle cose, diciamo così, che si sono anche viste nella partita con l’Afragolese nonostante la sconfitta. Ora c’è solo da ricominciare, da ripartire di nuovo velocemente, azzerando, come dico sempre a loro, il contachilometri. E questo è quello che deve fare la nostra differenza, la mentalità nel ripartire ogni martedì in qualsiasi maniera sia finita la domenica. Dobbiamo essere bravi a ripartire da zero e andare forte dal martedì verso la partita successiva. Questo è quello che contraddistingue una squadra che va in crescita, non solo tecnica o tattica, ma anche mentale. Su questa cosa dobbiamo lavorare ed è una cosa molto più complessa ed è su quella che stiamo ponendo molta attenzione.

Per il resto, è giusto che i ragazzi siano felici e si stiano prendendo i giusti meriti perché hanno disputato, secondo me e non credo di sbagliare quando dico, un bel un bel gioco.
Credo sia stata una partita bella da vedere da entrambe le parti. Giocata contro una squadra del genere che, ripeto e l’ho detto varie volte, credo che dall’anno scorso il Casoria sia una delle di quelle che gioca il calcio che a me piace. Un gioco fatto di ricerca dell’efficacia associata a concetti e idee”.

Tornando alla gara, a Casoria il Forio ha letto bene la gare
“Oggi abbiano sfruttato bene le occasioni che si sono create perché le hanno create e ci abbiamo lavorato in settimana. Anche oggi ci abbiamo provato tante volte e siamo riusciti ad uscire bene. A volte è capitato che non ci siamo riusciti, altre volte è capitato e abbiamo fatto bene. E, finalmente, abbiamo iniziato a sfruttare bene quelli che sono i momenti a nostro favore. Detto questo, ripeto, c’è da subito da azzerare. Non è stato fatto nulla. Siamo felici per i nostri tifosi e noi lo facciamo per loro e proviamo, ogni domenica, a regalargli sempre un sorriso”.

E da martedì?
Ma adesso bisogna di nuovo azzerare, ripeto, di nuovo svuotare la testa e capire che ogni partita in questo campionato è difficile, è complessa e non ci sono partite che puoi approcciare in maniera differente a come lo abbiamo fatto oggi. Un buon approccio anche concettuale associato alla voglia di farlo. Mi è piaciuto la voglia di dare la mano al compagno e di aiutare il compagno. Questo è quello che deve contraddistinguerci. Questa è l’unica strada oltre alla strada del lavoro. Tanto lavoro”

Mister, un altro dato importante arriva dalla panchina e dal gruppo
“C’è sicuramente da fare un plauso al fatto che tutti quanti hanno mostrato un grande attaccamento. E penso a tutti e venti eravamo lì a Casoria. Anche a chi non ha fatto parte della distinta.
Hanno dato tutti un apporto veramente favoloso, importantissimo, anche chi è subentrato si è fatto trovare pronto. Devono capire che per noi non esiste nessuno che possa essere più importante di un altro. Sono tutti importanti nella stessa maniera e al contempo sono importanti in maniera diversa in base alle situazioni che si deve provare a fare in campo rispetto agli avversari che si incontrano.

Siamo insieme da 40 giorni e siamo un gruppo nuovo per il 70%. Sono cose che piano piano devono essere esplicate. Grazie ai tifosi, perché anche lì a caso ce n’erano tanti e un grazia a tutti quelli che sono venuti a vederci nonostante l’ora e nonostante il caldo e la lontananza. Ma tanti e dico davvero tanti ci hanno scritto, ci hanno mandato un messaggio di motivazione e di vicinanza. E questo per noi è tantissimo! Questa è la nostra maggiore soddisfazione.
Siamo davvero grati ai nostri tifosi, anche insieme alla Società e in questo aspetto ci stiamo veramente prodigando anche insieme a Pippo Iacono e a tutti quelli che ci danno una mano in tutti i sensi. Il campionato è lunghissimissimo. Dobbiamo solo lavorare, lavorare, lavorare”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gli ultimi articoli