fbpx
domenica, Maggio 19, 2024

Casamicciola, ecco il tuo gemello digitale

Gli ultimi articoli

Gaetano Di Meglio | Benvenuto futuro! È questo il vero senso da cogliere della conferenza organizzata dai comitati nella Parrocchia di Casamicciola. Il vero cambio di passo, da difendere con i denti, che proietta Casamicciola Terme nel futuro. Nel domani. In una dimensione di trasparenza, accessibilità e condivisione che supera ogni immaginazione. Lo sviluppo del comune termale nel periodo “senza politica” è così importante e stravolgente che dovrebbe essere replicato – immediatamente – in molte altre zone.
La riunione di ieri HA segnato la fine della politica e ha aperto l’era della condivisione. Sono le parole del dottor Dimitri Dello Buono, un tecnologo del CNR da 22 anni.

COSI’ SI ENTRA NEL DOMANI
“Mi occupo, purtroppo, di gestione di calamità. Ogni volta che c’è una calamità, mi tocca fare questa attività. Volevo sintetizzare in cinque minuti quello che è accaduto ad Ischia, perché dal punto di vista scientifico a Ischia è accaduto una cosa particolare. Siamo riusciti in questa fase anche per tutta una serie di motivi a condensare una serie di tecnologie completamente innovative. Con la frana del 26 novembre, immediatamente l’Unione Europea si è attivata con un programma che si chiama “Emergency” e sono state prodotte una quantità di informazioni su Ischia enorme. Mai creata prima. Giusto per darvi un ordine di grandezza, abbiamo qualcosa come 250 GB di dati, oltre 15.000 file disponibili.
Questo è un esempio (e mostra una ricostruzione 3D in alta qualità del territorio di Casamicciola completamente modellabile in 3D ndr) di quello che riuscivamo a fare già nei giorni successivi.

La mappa precedente e la mappa successiva dei danni. Abbiamo creato un ambiente accessibile alla comunità scientifica che ha contribuito – in contemporanea – da Firenze, dalla Calabria, dalla Campania. Avevamo 18 gruppi di scienziati che contribuivano e che avevano l’esigenza di condividere in tempo reale le informazioni e il risultato. Così, immediatamente, quel “dato” diventava “funzione” per gli altri. Abbiamo messo insieme tutte le informazioni che avevamo sull’isola, dal catastale, alle foto, ai dati, alle cartografie e abbiamo integrato tutto all’interno di un grosso database cartografico che mediamente viene attivato nei giorni successivi a un evento calamitoso.
Uno sforzo simile è stato attivato solo ora, in Turchia, per darvi un ordine di grandezza, dopo il terremoto. Oggi possiamo gestire e definire una sovrapposizione dinamica di tutte le informazioni. Questo ci ha permesso anche di fare degli studi specifici e di scendere fino ad un livello catastale. A definire le singole unità passate e future. Siamo partiti elaborando dati dal 1943, del 1955, i dati del 2017 piuttosto che i dati attuali” Il livello di dettaglio è quasi fotografico e si lavora con una qualità di fedeltà a 5 cm a terra: quasi reale”.

Le parole di Dello Buono sono chiare. Dopo la frana, la struttura commissariale ha realizzato un gemello digitale di Casamicciola, casa per casa, roccia per roccia, masso per masso, via per via che sarà accessibile a tutti su un sito internet. Una replica, perfetta, di quello che è Casamicciola e che fa pendant con l’attivazione della piattaforma elettronica per la gestione del SUE al comune.

IL FASCICOLO DEL FABBRICATO
Un passo avanti e nel futuro che, ad oggi, ci permette di capire cosa accadrà.
“Siamo anche predisposti a creare quello che sarà poi l’elemento che servirà in futuro: il fascicolo del fabbricato, per ogni singola unità e, oltre a contenere prendere la storia e le concessioni, riusciamo anche a mettere insieme le informazioni e a fare anche attività in videoconferenza tra esperti per valutare ogni singolo elemento. A breve bisognerà ricostruire e siamo anche già predisposti, secondo le ultime normative, ad utilizzare le tecnologie più avanzate, nel caso specifico, la tecnologia BIM per poter effettuare le progettazioni e verificare, prima ancora di costruire, un edificio quanto possa impattare all’interno del territorio.

In un unico sistema, abbiamo la lista specifica, la catalogazione delle richieste, delle istanze, delle schede e di qualsiasi altra informazione. Addirittura, siamo riusciti a generare un sistema per cui è possibile la navigazione in realtà virtuale. La casa che ancora non è stata costruita, la si può già ispezionare prima ancora di andarla a realizzare”. Grazie a tutta una serie di tecnologie che vengono utilizzate sui dati, stiamo per mettere in piedi gli ambienti digitali dove chiunque può andare a vedere le informazioni. consultarle e quindi anche andare a verificare. Il Commissario è riuscito ad organizzare, per la prima volta, il gemello digitale di quest’area che metterà in condizione tutti di avere trasparenza, conoscenza e soprattutto di essere in grado di capire che cosa sta accadendo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gli ultimi articoli

Stock images by Depositphotos