giovedì, Luglio 25, 2024

La moda dei sex toys negli ultimi anni

Gli ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta informato e non perderti nessun articolo

Qualche giorno fa è stata la giornata internazionale dedicata ai sex toys, istituita per sdoganare l’uso di questi prodotti che sono infatti molto utili nello scoprire la propria sessualità e nel rapporto con il corpo.

Quando si parla di vibratori intimi c’è un po’ di confusione su quante tipologie ne esistono e che differenze ci sono tra i diversi modelli. Facciamo un po’ di chiarezza!

Partiamo dal nome: sex toys, vibratori, dildo, giocattoli erotici, peni finti. I nomi si sprecano, le differenze sono principalmente una scelta linguistica tranne che se parliamo di vibratori intimi e dildo. La differenza infatti è che i primi vibrano, i secondi no.

Questo ci porta a suddividere i vibratori in tre grandi macro categorie: quelli che vibrano, quelli che non lo fanno e quelli che stimolano utilizzando una tecnologia a onde o ad aria; quest’ultimi stimolano esternamente e sono prettamente dedicati al piacere femminile in quanto, grazie a questo sistema nuovo di stimolazione, sono in grado di intensificare la sollecitazione della clitoride.

Ad oggi l’acquisto di vibratori online è sicuro e riservato, inoltre tra i vibratori intimi che vibrano troviamo diversi modelli per diversi piaceri: quelli vaginali e quelli anali.

I vibratori vaginali sono essere dedicati alla stimolazione interna del famoso punto G (che dagli ultimi studi pare non esistere, ma il concetto rimane invariato), quelli invece rabbit (vibratori coniglio) nascono per stimolare tramite vibrazioni contemporaneamente sia internamente che esternamente.

Il nome “rabbit” deriva dalla forma di questi vibratori nati negli anni 90 in quanto la parte esterna prendeva la forma di un coniglietto.

Ci sono poi invece vibratori intimi dedicati al piacere della clitoride e che si usano per una stimolazione esterna.

Passando invece al piacere anale, per chiunque lo voglia provare, ci sono due diverse tipologie di toys: le plug anali e i vibratori per la prostata.

Differiscono principalmente per la forma: le prime di solito hanno una forma a scalare che ne aiuta l’inserimento graduale e permette di stimolare sia l’ano (dove si trovano la maggior parte delle terminazioni nervose) sia più in profondità.

I vibratori intimi per la prostata invece sono più simili a quelli per il punto g, sono solitamente di larghezza omogenea e leggermente curvati, proprio per adattarsi all’anatomia e raggiungere con il potere delle vibrazioni la zona attorno alla prostata, che costituisce una delle zone erogene più potenti per gli uomini.

Nel mondo dei vibratori troviamo anche quelli dedicati alle coppie, ovvero toys che nascono per essere indossati/usati durante il rapporto di coppia come possono essere gli anelli vibranti.

La tecnologia viene in aiuto anche del piacere, infatti da qualche anno esistono i vibratori intimi controllabili a distanza tramite application; muniti quindi dello smartphone, ovunque si sia, si può controllare il toy del/della partner anche da un continente all’altro!

Veniamo invece ai dildo, oggetti antichi quanto l’uomo che si sono ritrovati nella maggior parte delle tombe e degli scavi archeologici antichi, che invece non vibrano e danno quindi una sensazione più “realistica” nella stimolazione. La caratteristica principale dei dildo è la varianza nei materiali di cui un dildo può essere fatto.

Ricordiamo sempre di scegliere solo vibratori fatti in materiali sicuri e atossici, quindi se si tratta di silicone, che sia di grado medicale. I dildo possono però essere anche di pietra (oggi si trovano anche fatti con pietre preziose come giada o quarzo per chi apprezza le energie rilasciate dalle pietre) oppure in alluminio, ceramica o vetro (appositamente trattati) ma anche in legno. Molto amati dalle donne mature.

Nel mondo quindi dei vibratori intimi ce n’è, come è giusto che sia, per tutti i gusti perché il piacere non deve essere un tabù e trovare il modo per raggiungerlo è importante nel vivere appieno la propria sessualità. Per trovare quello giusto, basta partire da che tipo di stimolazione volete e decidere se volete che vibri oppure no e successivamente potete acquistare tranquillamente i vibratori online.

[sibwp_form id=1]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gli ultimi articoli

Stock images by Depositphotos