fbpx

#vittimedellastrada Enzo Ferrandino: “Le tragedie dei gesti normali di persone normali”

Must Read

Il sindaco di Ischia, Enzo Ferrandino, è intervenuto al corteo e alla manifestazione per l’inaugurazione del totem della memoria in occasione della giornata per le vittime della strada e celebrata grazie all’iniziativa del comitato “La strada del buonsenso”.

“In questa mattinata – ha detto il primo cittadino di Ischia -, in modo particolare, voglio ringraziare gli amici del comitato che ci hanno donato questa opportunità per ricordare e per tenere presente, nelle nostre giornate, il pericolo che si cela rispetto a quelle che sono pratiche quotidiane che per noi sono normali e semplici. Una persona che attraversa la strada per andare a casa, una persona che pratica il suo sport, una persona eventualmente, impegnata, per fare la spesa e all’improvviso viene travolta da un’auto. Cittadini, nostri fratelli, figli, mariti, mogli, nonni, zii, amici nella loro quotidianità sono stati falciati, per inconsapevolezza, per responsabilità, per mancanza di attenzione o perché, eventualmente, si voleva leggere un messaggio mentre si guidava sul cellulare”.

“Altre pratiche che sono appartenuti a tanti di noi, ma che sono pratiche di una pericolosità inaudita. Giornate come queste – sottolinea Ferrandino – servono per far correre nella schiena a ognuno di noi, a ognuno dei nostri concittadini, che purtroppo a noi stamattina non sono presenti, quel brivido di paura e di terrore e quali sono le conseguenze per queste disattenzioni. Per gli uomini delle istituzioni, come me, una giornata del genere significa essere ancora più convinti, ancora più decisi e ancora più determinati ad intraprendere iniziative e attività finalizzate a ridurre il pericolo che sciagure come quelle che stamattina stiamo ricordando, si possano verificare nuovamente. Nonostante qualcosa si stia facendo, e so che è ancora poco per dire che le nostre strade sono sicure o che potenzialmente possono essere sicure, e so che bisogna impegnarci ancora di più e io, di questo, ne sono convinto. Sono triste perché questi giorni diventano riferimento per la comunità. Dobbiamo trovare quella consapevolezza che non c’era ancora”.

“E ci serve una diffusione di responsabilità e di consapevolezza su quello che può succedere per le strade: è questa la principale sfida che dobbiamo cogliere tutti noi. E in questa scia, vi rinnovo il ringraziamento per questa azione che voi fate quotidiana. A volte, forse risultando antipatici, e noi, qualche volta, abbiamo anche litigato, come giusto che sia. Però sui momenti di seria riflessione e che vanno alimentati con la partecipazione di tutti i soggetti chiamati a mettersi attorno al tavolo, sono convinto – conclude il sindaco – che potremo dare un contributo decisivo. Forse non impediremo che succeda di nuovo, ma il nostro obiettivo è che dobbiamo ridurre, sempre più, il numero delle persone che sono coinvolte in queste sciagure.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Andrea Sannino difende Ischia: “Rispetto per Ischia! Avete rotto le scatole, tacete… e fate qualcosa!”

Mentre il main stream si accende sulla parola “condono”, “abusivismo” e segue un infame algoritmico, Andrea Sannino prende posizione...
In evidenza

Andrea Sannino difende Ischia: “Rispetto per Ischia! Avete rotto le scatole, tacete… e fate qualcosa!”

Mentre il main stream si accende sulla parola “condono”, “abusivismo” e segue un infame algoritmico, Andrea Sannino prende posizione...