Vito Iacono: “I sindaci si dimettano e lo Stato dia un segnale di presenza!”

2

Sul vero e proprio “disastro Eav” che stiamo vivendo sulla nostra isola in queste calde giornate estive interviene con decisione Vito Iacono, consigliere di minoranza del comune di Forio.
“Attentato alla salute pubblica!!! Questa è la denuncia che il comune di forio dovrebbe fare all’eav bus dopo l’ennesimo disservizio. Con temperature insopportabili chilometri di coda per un “nuovo” episodio di avaria ad un bus del servizio pubblico. E si racconta che ieri erano “appena” 18 gli addetti a piedi per mancanza di automezzi funzionanti che non garantivano, oltre all’inutile costo, il regolare servizio. Vogliamo capire quale può e deve essere il livello di interlocuzione? Non può essere delegata ad un comitato spontaneo di volenterosi cittadini una battaglia che investe le istituzioni e chi le rappresenta. Chi ha la fortuna di ricoprire ruoli di responsabilità in aziende pubbliche con umiltà e spirito di servizio deve chiedere scusa e dare conto all’utenza ed ai cittadini che sostengono anche il suo costo. Invece ischia, che nel tempo ha progressivamente perso in dignità ed orgoglio, sembra essere diventata terra di conquista di quelli che vengono da fuori, per vincere personali frustrazioni, godere di privilegi ed esercitare potere.
Penso sia giunta l’ora di iniziative forti. Questo vale per i trasporti marittimi, terrestri, per la sanità. Nessun manager si può permettere il lusso di “rimandare a settembre” problematiche di assoluta urgenza che investono la vita dei cittadini oggi.
L’invito a tutti i sindaci dell’isola d’ischia è di dimettersi e chiedere allo stato, da chiunque esso sia rappresentato, di dare segnali forti e concreti di presenza.
20 giorni, questo è il termine da dare a chi ha specifiche responsabilità, è inutile amministrare paesi dove disabili, bambini, giovani, donne, uomini, anziani, vengono quotidianamente presi per in giro ed offesi nei loro bisogni, nella loro dignità, nella loro intelligenza.”

2 Commenti

  1. Pienamente d’accordo! Di dimettano subito.
    Le conseguenze dei disastrosi disservizi che creano le carcasse dell’EAV BUS e che indignano i turisti, le sconteremo l’anno prossimo.
    Ecco perchè ogni anno rimpiangiamo quello precedente.
    Degrado dell’isola irreversibile,purtroppo!

  2. Tanto ora si possono permettere tutto, non c’è più la concorrenza della Torquato Tasso. Mesi fa quando erano giunti sull’isola questi nuovi bus l’ eav ha triplicato le corse, un’ astuta manovra per spezzare le gambe alla concorrenza, ma che non poteva durare a lungo.

Rispondi a il riflettore Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui