Un successo troppo…Chiariello. L’Ischia torna in ECCELLENZA con un 3-0!

ISCHIA-MONDRAGONE 3-0. ISCHIA CALCIO: Di Chiara, Buono, Pistola, Arcamone, Chiriello, Monti, D’Antonio, Trofa, Saurino G. (29’ st Florio), Sogliuzzo, Castagna (39’ st De Luise). (In panchina Di Meglio, Accurso, Di Costanzo, Di Sapia, Trani, Esposito, Invernini). All. Monti. MONDRAGONE: Ferrara, Piscitelli, Franco, Mazzone (27’ st Senatore), Spoleto (13’ st Petrella), Zamparelli, Pepe (43’ st Traore), Del Prete C., Pagliuca, Ischero (5’ st Nugnes), Maggio (37’ st Del Prete S.). (In panchina Pagliaro, Di Stasio, Di Giorgio, Miraglia). All. De Meo. ARBITRO: Onorato di Nola (ass. Chimenti e Carmela De Rosa di Napoli). MARCATORI: nel p.t. 12’ Chiariello (I), 27’ Sogliuzzo (I); nel s.t. 19’ Chiariello (I). NOTE: angoli 8-1 per l’Ischia. Ammoniti Buono, Spoleto, Zamparelli.

0
Chiariello. Foto Alessandro Ascione
Chiariello. Foto Alessandro Ascione

GIOVANNI SASSO | Pasquale Chiariello indossa i panni del “matador”. Prima infilza Ferrara da sottomisura (12’), poi a metà ripresa (64’) chiude la partita con un colpo di testa. Nel mezzo, il gol di Sogliuzzo (27’). Per i gialloblù anche un incrocio dei pali in abbrivio colpito da Saurino e un palo centrato nel finale da Sogliuzzo, oltre a un salvataggio sulla linea su Trofa. Poco, anzi nulla da fare per il pur volenteroso Mondragone che ha impegnato Di Chiara soltanto in un paio di occasioni. Comincia dunque con una bella vittoria la nuova avventura dell’Ischia in Eccellenza. Un successo chiaro, frutto di una indiscutibile superiorità.

Più della metà degli undici in campo nelle fila isolane, avevano un passo completamente diverso rispetto ai granata di De Meo, che sul proprio terreno in coppa riuscirono a mascherare le proprie lacune. Anche se sul prato reso scivoloso dalla pioggia, i gialloblù ogni qualvolta hanno alzato i giri del motore, si sono portati in zona-gol con una certa facilità, sfondando centralmente così come sulle corsie, dove hanno imperversato Castagna (non ha fatto sfracelli ma ha comunque servito due assist e dato vita a buone azioni) e il solito D’Antonio, anche tatticamente molto utile alla causa. Arcamone ha ben compensato l’assenza di Ciro Saurino in cabina di regia. Sogliuzzo s’è disimpegnato da par suo, trovando subito confidenza con il gol. Al semaforo verde, in evidenza Gianluca Saurino, sfortunato in occasione della sua prima conclusione; successivamente avrebbe potuto timbrare il cartellino ma nel complesso da lui ci si aspetta qualcosa in più. Era atteso l’esordio di Filippo Florio, avvenuto nella parte conclusiva dell’incontro. Ha giocato nel suo ruolo naturale, con personalità e determinazione.

Di sostanza la prova del pacchetto difensivo, con Chiariello goleador di giornata e Monti che ha giganteggiato sul giovane dirimpettaio Pagliuca, mentre Pistola a destra ha fatto quello che solitamente fa nella corsia opposta. Ancora una prova più che sufficiente dell’under Buono.

SCHIERAMENTI – Monti schiera l’undici annunciato. Deve fare a meno dello squalificato Ciro Saurino con Mennella non convocato per problemi fisici. Il neo acquisto Florio parte dalla panchina. Tra i pali Di Chiara; in difesa Chiariello e Monti, con Pistola nell’inedito ruolo di terzino destro e l’under Buono a sinistra. Arcamone play con Trofa e Sogliuzzo al suo fianco. In avanti Gianluca Saurino con Castagna a destra e D’Antonio a sinistra, proprio come accaduto nel corso della gara di coppa. De Meo davanti a Ferrara schiera Zamparelli e Franco centrali, Piscitelli e Spoleto i terzini. A centrocampo Del Prete è attorniato da Mazzone e Maggio. In avanti Pagliuca centravanti con Ischero a destra e Pepe a sinistra.

LA PARTITA – Il terreno è scivoloso a causa della pioggia. Ci prova subito Sogliuzzo (2’) dalla distanza: para Ferrara. Passa un minuto e i gialloblù si rendono pericolosissimi con Saurino che riceve dalla destra e con un gran tiro di prima intenzione colpisce l’incrocio dei pali. Al 12’ Ischia in vantaggio: angolo dalla sinistra battuto da Castagna, Chiariello in mischia devia imparabilmente. Passano 2’ e per poco Saurino non gira in rete un assist dalla destra: pallone rimpallato in angolo. Primo tentativo granata al 15’: Piscitelli devia di testa un pallone appena rinviato da Monti ma il pallone sorvola la traversa. Pochi istanti dopo, Di Chiara si distende e blocca senza problemi un diagonale di Pepe dalla sinistra. Al 21’ Castagna prova la soluzione a sorpresa dalla distanza ma Ferrara c’è e blocca in presa alta. Il Mondragone prova a farsi vedere sulle palle inattive. Da una di queste, Pagliuca in seguito a un rimpallo per poco non si ritrova solo davanti al portiere ischitano. Al 24’ angolo dalla sinistra, pallone lungo sul secondo palo dove irrompe Saurino il cui bolide al volo termina alto non di molto. Al minuto 27 l’Ischia raddoppia. Perfetto cross di Castagna dalla sinistra, Sogliuzzo è liberissimo e di testa insacca nell’angolo lontano. Al 33’ grande azione dell’Ischia: D’Antonio scambia con Sogliuzzo, pallone per Castagna, assist per Saurino che ha spazio per il tris ma il sinistro stozzato del centravanti termina sul fondo. Da un errato disimpegno della difesa mondragonese (37’) nasce una ghiotta palla-gol per Pistola che a non più di otto-nove metri dalla porta calcia incredibilmente alto. Altra azione di rilievo dei gialloblù al 45’: assist dalla destra di Trofa ma la conclusione col piattone di Castagna è frettolosa quanto imprecisa.
La ripresa inizia con un calcio di rigore reclamato dai gialloblù per un tocco con un braccio di Zamparelli.

De Meo richiama Ischero e inserisce Nugnes. Al 13’ squillo del Mondragone: calcio piazzato da 25 metri di Pagliuca, bella respinta in tuffo di Di Chiara. Risponde Trofa 1’ dopo con una bomba dalla distanza che Ferrara respinge coi pugni. Ischia pericolosissima al 18’: Pistola in seguito ad un corner, salta un uomo in area ed effettua un tiro-cross basso che, deviato, termina in angolo. Dalla bandierina Pistola pennella in area per la testa di Chiariello che sigla la sua prima doppietta con la maglia gialloblù. Ischia vicina al poker al 24’: Castagna sulla destra fa quel che vuole, assist in area ma Saurino è troppo avanzato, da dietro irrompe D’Antonio che però di sinistro alza troppo la mira. Al 29’ esordio di Filippo Florio che prende il posto di Saurino; Castagna diventa centrale con D’Antonio che si sposta a destra. Al 36’ Castagna guadagna un calcio piazzato dopo una caparbia azione: Sogliuzzo calibra bene la battuta di destro ma il pallone si stampa sul palo a portiere battuto. Al 45’ palla filtrante per Trofa che si gira in tempo ma Piscitelli salva quasi sulla linea a portiere battuto. L’arbitro fischia esattamente al 90’. Ischia-Mondragone passa in rassegna. Sabato c’è il derby al Testaccio contro il Barano.

foto Alessandro Ascione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui