fbpx

Un appello Ischia-Milano. Il cuore di Rosa Iacono “batte” per un bimbo lontano

Must Read

Sono Rosa Iacono, Presidente delle Associazioni A.D.I. (Associazione Disabili Ischia) e CROCE ROSA ISCHIA SOCCORSO, mi batto da anni contro le discriminazioni il mal governo e le ingiustizie soprattutto a danno degli indifesi e dei più deboli.

Ho appreso dalla televisione che i genitori di un bambino di una vostra scuola affetto da una patologia rara, con le ossa che si fratturano molto facilmente con un minimo urto, hanno fatto richiesta di spostare il loro figlio da un container, dove attualmente frequenta, ad un’altra scuola per potersi muovere più agevolmente in relazione alla sua patologia e che gli è stato risposto “che ciò non poteva essere possibile in quanto si sarebbe creato un precedente”.

Perché i bambini fanno scuola nel container? Se non ho capito male, il suo istituto è in fase di ristrutturazione per lavori di rinnovamento. Tutto giusto sembrerebbe. Ma vi pare che la richiesta di quei poveri genitori debba essere rifiutata? Quale precedente si creerebbe? Chi è stato a dare questa insulsa e indegna risposta? Lei, in qualità di Sindaco, sicuramente ha saputo dai giornali, come l’ho appreso io questo accadimento. Perché non ha preso alcuna decisione? Occupando la sedia che occupa avrebbe dovuto subito concedere l’autorizzazione allo spostamento del bambino altrimenti come fa a fare il Sindaco. Ogni Sindaco dovrebbe essere soprattutto il difensore dei più deboli. Una persona che non sa prendere una tale decisione, come fa ad occupare quelle sedia?

Come pure vorrei sapere come è potuto accadere che la notte di Capodanno nella Piazza del Duomo di Milano sono stati perpetuati abusi e violenze nei confronti delle donne. Quali disposizioni Lei aveva dato, visto che non si sarebbe potuto fare assembramento?

Mi dispiace dire certe cose, ma Lei per certi accadimenti ha molte responsabilità. Se non riesce con la sua squadra a tenere sotto controllo due episodi come quelli da me segnalati, forse sarebbe meglio farsi da parte e mettersi a riposo.

Per quanto riguarda la vicenda del piccolo scolaro, spero tanto in una sua presa di posizione a dare l’autorizzazione richiesta.

La saluto e la ossequio.

Rosa Iacono

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

«Tira» l’abuso e FLASH. Forio, un comune da super eroi

Quando si dice che l’Italia è un paese che ad agosto va in ferie e che è l’unico nel...