Umberto De Gregorio: “Abbiamo problemi, ma nessun disastro Eav”

7

Umberto De Gregorio | Gentilissimo direttore,
vogliamo, innanzi tutto, ringraziarla per l’attenzione costante che il suo giornale mantiene sui servizi (e disservizi) che effettuiamo sull’isola e, ci creda, lo diciamo senza ironia o malcelata insofferenza, in quanto l’attenzione tenuta nei nostri riguardi ci spinge a non abbassare la guardia e a fornire, a lei e ai suoi lettori, informazioni che altrimenti non avremmo la possibilità di veicolare, sperando che le nostre informazioni non siano considerate “chiacchiere” come riportato su un recente articolo. Ci consenta, molto pacatamente, solo di dissentire sull’uso troppo facile del termine “disastro” che accompagna spesso gli interventi che ci riguardano e cercheremo di spiegarne il motivo.

Abbiamo l’obbligo di effettuare tutti i servizi, con il massimo di comfort, per i viaggiatori ed il nostro personale e l’obbligo deriva, oltre che dal contratto di servizio, dal senso civico che abbiamo nei confronti di tutti i cittadini, residenti e turisti occasionali.

Indubbiamente, abbiamo difficoltà a svolgere la nostra missione e non sono mai state raccontate circostanze non avverate o anticipato autobus che non c’erano.
In 10 anni, sull’isola sono arrivati solo 5 autobus nuovi, nel 2016, ed aspettiamo l’arrivo di nuovi autobus per la fine dell’anno in corso/primavera 2020.

È stato già, in molte occasioni, ricordato che gli investimenti sul parco autobus delle aziende operanti nel TPL sono determinate dalle scelte ed indirizzo di natura politica e, dopo gli anni di immobilismo di un passato ancora recente, tra qualche mese si cominceranno ad avere gli auspicati benefici, per le aziende pubbliche e private e, soprattutto, per i cittadini.

Eav ha, comunque, fatto la sua parte, non rimanendo in attesa “ponziopilatesca”, intervenendo con propri fondi per l’acquisto di autobus usati, spesso oggetto di critica preventiva, ingiustificata. E i numeri dicono questo (chilometri percorsi)

Ovvero, nonostante la mancanza di autobus nuovi, nello scorso agosto si sono effettuati più chilometri che negli ultimi 7 anni, quasi il doppio di quelli fatti nel 2013, annus horribilis. Il mese di settembre presenta delle difficoltà, è vero, anche perché il periodo è complesso sia per costante ondata di turismo sia per il concomitante periodo scolastico.

Non abbiamo le risorse per il soddisfacimento totale delle platee di utenze e i nostri funzionari locali si adoperano quotidianamente per individuare i servizi in via prioritaria, con lo scopo di alleggerire i tempi di attesa per tutti: è una scelta ardua e difficile, e proprio per questo facilmente criticabile, in quanto ciascuno vede il solo proprio punto di vista.

Lei sa bene che non ci sottraiamo, oltre che alle critiche, nemmeno ai suggerimenti, e ci attiveremo per vagliare e mettere in pratica quelli che dovessero risultare maggiormente efficaci. La ringraziamo per lo spazio che ci vorrà garantire e restiamo a disposizione per ogni utile confronto.

7 Commenti

  1. Infatti il direttore sbaglia a parlare di “disastri” perchè il termine più appropriato sarebbe APOCALISSE…
    Questo signore dovrebbe semplicemente vergognarsi del suo tentativo di arrampicarsi sugli specchi per tentare di difendere l’indifendibile.
    Piuttosto i sindaci delle sei municipalità si attivassero ad intraprendere le azioni giudiziarie contro l’EAV per i danni che sta procurando all’immagine turistica dell’isola.

  2. Insomma non è colpa non è colpa dei dirigenti non è colpa dei dipendenti (gli amministratori pubblici non fanno testo)allora è colpa degli utenti

  3. À “conferma” (si fa per dire, ovviamente!!) di quanto detto da questo “signore” ieri pomeriggio lungo il tratto di strada che da Barano porta a Buonopane (dopo la pensione Franceschina) un autobus si è guastato e ha bloccato tutto il traffico!!!! E stasera all’incrocio di Piedimonte, in direzione Barano, c’era un altro autobus bloccato….. penso di aver detto tutto!!!!!

  4. Se io perdo il traghetto o faccio tardi a scuola per me e per tanti altri com’è me che non hanno nessun altro modo di spostarsi è una tragedia perché perdiamo soldi e tempo di istruzione. Per lei invece e un problema perché deve leggere i nostri lamenti e commenti. Ma alla fine continua a ricevere il Suo bel stipendio da parassita. Non male e?

  5. È evidente che questo individuo dovrebbe rassegnare le dimissioni, ma siamo in Italia……..e ad Ischia dove spesso primeggiano gli inetti….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui