fbpx

Ucraina, Draghi “Fare ripartire il prima possibile i negoziati”

Must Read
ROMA (ITALPRESS) – “Per evitare che la crisi umanitaria continui ad aggravarsi dobbiamo raggiungere il prima possibile un cessate il fuoco e far ripartire con forza i negoziati, è la posizione dell’Italia ed è un’aspirazione europea che ho condiviso con il presidente Biden e i leader politici del Congresso”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel corso dell’informativa, in Senato, sul conflitto tra Russia e Ucraina. “In questi incontri ho riscontrato un apprezzamento per la solidità della posizione italiana fermamente ancorata nel campo transatlantico e nell’Unione Europea”, ha aggiunto.
“Dobbiamo continuare a mantenere alta la pressione sulla Russia attraverso le sanzioni e dobbiamo portare Mosca al tavolo dei negoziati”, ha sottolineato il premier.
“Le misure restrittive approvate fin qui dall’Unione Europea e dal G7 hanno già avuto un impatto significativo sull’economia russa – ha aggiunto Draghi – che sarà ancora più forte nei prossimi mesi. L’Unione Europea è al lavoro per un sesto pacchetto di sanzioni che l’Italia sostiene con convinzione”.
“Dovrà essere l’Ucraina, e nessun altro, a decidere che pace accettare – ha sottolineato il premier -, anche perchè una pace che non fosse accettata da parte dell’Ucraina non sarebbe neanche sostenibile”.
“L’Italia è favorevole all’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea – ha aggiunto -. Se oggi possiamo parlare di un tentativo di dialogo è grazie al fatto che l’Ucraina è riuscita a difendersi in questi mesi di guerra. L’Italia continuerà a sostenere il governo ucraino nei suoi sforzi nel respingere l’invasione russa, lo faremo in stretto coordinamento con i nostri partner europei”.

– foto agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Maronti ore 15.00, il mare così non può andare!

Sono foto e video dolorosi quelli realizzati da Michele Mattera. Una rappresentazione triste e ingiusta verso tutti: residenti, isolani...