Uberto Scarpati, migliore chef italiano del Regno Unito

0

Ida Trofa | Uberto Scarpati, del ristorante indipendente Mamma Mia di Gerico, ha vinto il premio Pizza Pizza e Italian Food Association durante una cerimonia svoltasi a Londra.

L’isolanissimo chef Uberto ha raggiunto alcuni giorni fa l’Olympia di Londra per un live-off all’European Pizza and Pasta Show.

“La competizione alla quale ho partecipato – ci ha dichiarato – è “The European Pizza Pasta  show” che si è svolta all’ Olympia London il 14 Novembre alla presenza di importanti giudici tra I quali il famoso Theo Randall chef con importanti riconoscimenti internazionali.

Il Piatto presentato da me con il nome di Autunno in Ischia e’ una Pappardella con Ragu’ di coniglio all’ischitana ha convinto la giuria che mi ha premiato. Nel realizzarlo ho fatto molta attenzione nel rispettare la tradizione di una ricetta molto antica. Il vincitore e’ stato annunciato durante il Gala del 14 sera alla presenza della rappresentanza delle più importanti compagnie del settore a livello europeo. E’ un importante riconoscimento a livello internazionale perchè il Pasta Awards è presente in tutto il mondo.”

Si, avete letto bene: il suo piatto vincente erano pappardelle fresche con ragù di coniglio cotto lentamente, cosa che ha impressionato i giudici tra cui lo chef delle celebrità Theo Randall.

In una gara che ha visto i migliori chef italiani del Regno Unito andare testa a testa la scorsa settimana, un concorrente di Oxford è stato appollaiato sul bordo del suo posto mentre i giudici hanno provato a entrare.

Leggiamo su “oxfordmail”: Il 49enne è arrivato per la prima volta nel Regno Unito sei anni fa con sua moglie per vivere vicino alla figlia che lavora in Gran Bretagna. Prima del lavoro al Mamma Mia, ha avuto una lunga e varia carriera come chef, lavorando in Italia e Francia.

Anche se cucinava in famiglia sin da piccolo, è solo a 18 anni che ha iniziato per la prima volta in una cucina di un ristorante.

Ha dichiarato: “Sono nato a Napoli e ho iniziato lì come giovane, giovane chef in cucina con mio zio. Il mio piatto preferito da cucinare nel ristorante è la pizza e la pasta ovviamente. Adoro anche il pesce perché sono nato vicino al mare, ma la pasta e la pizza sono le mie preferite.”

E ha aggiunto: “C’è cibo diverso se cambi città per città in tutta Italia, puoi avere lasagne diverse, pasta diversa, pappardelle diverse”.

E sono state proprio le pappardelle a farlo vincere. Le sue pappardelle vincenti e il ragù di coniglio alla gara sono stati ispirati anche dalla sua eredità italiana meridionale.

“La base del piatto è del 500 a.C., ma è stata cambiata nel corso dei millenni, con il ragù di pomodoro un’aggiunta relativamente recente.”

Sebbene sia ispirato dalla cucina tradizionale della sua terra natale, il capo chef non ha paura di dare una svolta al cibo che serve.

L’EVENTO

Lo European Pizza & Pasta Show, dal 13 al 15 novembre 2019 all’Olympia National Hall, non è solo una fiera dove incontrare buyers e aziende, ma è anche uno spettacolo unico dove la cucina e la pizza saranno le protagoniste assieme a chef, pizzaioli e pastai di fama mondiale.

Con oltre 1000 brand in mostra e 4.000 buyers, sia del settore della ristorazione professionale che della vendita al dettaglio, EPPS è un evento esclusivo in Europa per il settore della pizza e della pasta. Aziende leader del settore come Jestic, Steriltom, Molino Caputo, Salvo1968, Gi.Metal, Compagnia Alimentare Italiana e molti altri porteranno i loro migliori prodotti all’Olympia National Hall.

Le pappardelle, ad esempio, di solito includono pomodorini nella salsa ragu, ma nel Regno Unito, Scarpati ha cambiato la ricetta per includere la passata di pomodoro tritata.

Il cibo italiano è spesso considerato uno dei preferiti nelle famiglie del Regno Unito, con molti che fanno le proprie varianti su ricette popolari come gli spaghetti alla bolognese; quindi perché lo chef pensa che il cibo del suo paese sia così attraente per gli inglesi?

“Penso che alla gente del Regno Unito piaccia il cibo mediterraneo in generale, non solo il cibo italiano: cibo spagnolo, cibo francese. Forse è perché nel cibo italiano c’è molta umanità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui