Tutti per Nello. I messaggi degli amici e dei Judokas

0

Si sono tutti stretti attorno a Nello e, in vario modo, cercano di aiutarlo il più possibile. Sono i tanti amici del giovane Nello, il ragazzo che dopo un incidente stradale è tutt’ora in coma e ricoverato a Benevento.

Tanti amici e judokas che stanno mettendo tutto il cuore e l’anima per lui.

Oggi vi parliamo dell’iniziativa di Pino Maddaloni campione olimpico a Sidney 2000, Fabio Basile campione olimpico e 200° medaglia d’oro per l’Italia a Rio 2016, Christian Parlati Campione del Mondo 2018 , Antonio Esposito Campione del Mondo 2014 e Biagio D’angelo già Campione Olimpico Giovanile …

Ci scrive Maurizio Bianculli, Maestro della ASD Olympic Judo Forio :”Tutti loro oltre a decine di altri judokas da tutta Italia hanno inviato messaggi audio a Nello che si trova ricoverato a Telese Bn per incitarlo al risveglio dal coma.. grazie”

Questo e’ il messaggio di Francesco, papa’ di Nello Verde 17 anni : “E’ commovente !!! I campioni del judo si mobilitano per mio figlio Nello , un giovanissimo judoka dell’olympic judo Forio isola d’Ischia -Na- , per indurlo ascoltando le loro voci (i suoi idoli sportivi ) a svegliarsi da questo maledetto coma. In data 12 novembre u.s. Nello e’ stato vittima di un grave incidente stradale verificatosi sull’isola d’Ischia a seguito del quale ha rischiato di non farcela. Ha subito un primo delicato intervento chirurgico, poi ha trascorso tre settimane in terapia intensiva. Ora si trova presso una clinica specializzata in neurologia e si sta tentando in ogni modo di farlo svegliare dal coma. A noi familiari hanno detto di fargli ascoltare voci di incitamento , perche’ in questo momento il nostro nello deve combattere. Lui sa bene come combattere si allenava per questo. Ecco perche’ la nostra famiglia vuole esprimere un profondo ringraziamento al judo, a questo sport che a nello piaceva tanto. Gli incitamenti di Pino Maddaloni, Fabio Basile, Christian Parlati, Antonio Esposito e Biagio D’angelo vengono dal profondo del cuore di questi uomini e campioni dello sport. Si aggiungono a quelli di altri centinaia di judokas da tutta Italia. Io, mia moglie Loreta e mia figlia Maria -pure judoka- vogliamo sperare anche grazie ai vostri messaggi che nello possa farcela e che possa ritornare ad essere il ragazzo amante della vita quale era prima di quella maledetta caduta dallo scooter. Grazie Pino, grazie Fabio, grazie Christian, grazie Antonio, grazie Biagio. Grazie a tutti. Grazie al judo . Vi vogliamo bene” f.to Francesco, Loreta e Maria Verde.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui