fbpx

Trattorino: la nuova frontiera della tecnologia

Must Read

Ogni giorno che passa, gli agricoltori rinunciano ai macchinari di grandi dimensioni a favore di modelli più leggeri e maneggevoli. Un esempio di questi è il trattorino. Mantenendo la funzionalità di un trattore tradizionale, questo mini-trattore gode di una grande popolarità grazie a una serie di vantaggi. Una vasta scelta di questi e altri tipi di macchinari è disponibile su https://agriline24.it/-/trattorini–c230. La classificazione delle macchine si basa sul tipo di combustibile. Le macchine funzionano con un motore a benzina o diesel, dispongono di ruote potenti e svolgono le seguenti funzioni:

  • lavori di semina;
  • lavorazione del terreno;
  • lavori di fertilizzazione;
  • irrigazione;
  • sfalcio dell’erba;
  • coltivazione interfilare.

Pertanto, il trattorino è utile in tutte le fasi dei lavori preparatori, mentre con ulteriori strumenti può essere utilizzato nella semina e nel raccolto.

I principali vantaggi e svantaggi

Gli agricoltori sottolineano la praticità di questi macchinari. Il trattorino è facile da usare e offre un elenco di caratteristiche vantaggiose:

  1. Facilità d’uso e dimensioni ridotte con tutte le funzioni necessarie.
  2. Un consumo ridotto di carburante.
  3. Le parti di ricambio di questa macchina sono versatili e facili da riparare. La riparazione del macchinario è pertanto meno dispendiosa in termini di tempo e denaro.
  4. Il costo di questa macchina è molto inferiore rispetto ai modelli analoghi più grandi.

La coltivazione del terreno diventa molto più semplice e comoda grazie a questo assistente.

Se si rispettano le regole di utilizzo delle macchine agricole, gli svantaggi non saranno avvertiti. Ovviamente, solo se disponete di modelli di produttori affidabili che non rinunciano alla qualità dei loro prodotti.

Come scegliere un trattorino

Qualora abbiate deciso di meccanizzare il lavoro manuale sul terreno e stiate pensando di acquistare un buon attrezzo di piccole dimensioni, dovreste sapere a cosa prestare attenzione al momento dell’acquisto di un assistente agricoloа.

La soluzione ideale è quella di farsi consigliare da persone che hanno già avuto esperienza nell’acquisto e nell’uso di queste macchine. In caso contrario, date un’occhiata ad alcuni consigli su come scegliere il prodotto sul mercato commerciale:

  1. È meglio acquistare una macchina nuova piuttosto che già utilizzata. Un annuncio relativo ad una macchina di seconda mano è attraente per il suo prezzo, ma non lasciatevi ingannare. Per quanto onesto e corretto possa sembrare, il proprietario precedente non può garantire il rispetto di tutte le regole di utilizzo.
  2. Al giorno d’oggi la vendita di macchine agricole è praticata da tutti i pigri, ma non rivolgetevi ai produttori sconosciuti. Optate per un prodotto di qualità e di marca certificata e ben consolidata. Un rivenditore ufficiale sarà in grado di fornire una garanzia sul prodotto.
  3. Tutto ciò fa la differenza: assemblaggio, materiali, attrezzature. Scegliete un corpo zincato. Questo modello durerà più a lungo perché è meno soggetto alla corrosione. Il servosterzo è la chiave di volta per una guida facile e fluida in curva.
  4. La potenza della macchina acquistata dipende dalla quantità di terreno da trattare. Per gli appezzamenti medio-grandi sono necessari 35-45 cavalli, mentre per gli appezzamenti più piccoli sono sufficienti 20 cavalli.

Un’ispezione tempestiva e una corretta manutenzione delle macchine agricole assicurano la loro lunga durata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»
In evidenza

Sodano: «Ischia, faremo presto e bene: da lunedì all’opera sull’isola»

Il presidente della S.M.A. delinea le operazioni che si svolgeranno sul territorio isolano, dalla pulizia degli alvei alla rimozione del fango: «L’obiettivo è riutilizzarlo per quanto possibile in loco»