mercoledì, Maggio 12, 2021

Trasporto rifiuti: dove i sindaci hanno fallito, ci ha pensato l’Antitrust: sciolto Co.Tra.Sir e GML

In primo piano

Quello che leggeremo a breve, è il resoconto realizzato da ShippingItaly e che fa seguito all’anteprima della nostra Ida Trofa di qualche giorno fa, ma il dato che deve emergere e che va sottolineato è la genesi di tutto questo. Prima che gli armatori del golfo di Napoli si coalizzassero e iniziassero a fare affari con la nostra monnezza, va ricordato ai lettori che gli attuali consorziati sono stati in concorrenza per anni. Una concorrenza che, però, è stata uccisa dalle scelte politiche delle nostre amministrazioni che, invece di sfruttare gli sconti del 35 e del 40% che arrivavano di giorno in giorno, hanno preferito sottomettersi al potere degli armatori fino ad arrivare ad oggi.

Così, in attesa di vedere gli effetti delle decisioni dell’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, sarebbe opportuno sapere anche il destino della famosa gara per l’affidamento del servizio trasporto che aveva avviato il CISI. Vuoi vedere che i sindaci stanno preparando la cordicella da calare dalla finestra per far rientrare qualche amico armatore “speciale”?

IL FATTO – L’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato ha reso noto gli impegni che diverse società di navigazione (Mediterranea Marittima, Medmar Navi, Servizi Marittimi Liberi Giuffré & Lauro, Tra.Spe.Mar., Gml Trasporti Marittimi e Consorzio Cotrasir) hanno proposto di adottare per eliminare ogni intesa restrittiva delle concorrenza posta in essere nell’offerta dei servizi di trasporto di infiammabili e rifiuti da e per le isole del Golfo di Napoli (Ischia, Procida e Capri).

Lo scorso gennaio l’Antitrust aveva rivelato l’apertura di un procedimento istruttorio nei confronti di queste società sulla base anche di numerose segnalazioni ricevute che evidenziavano un fenomeno concertativo tra imprese concorrenti nei servizi di trasporto marittimo di merci pericolose, rifiuti e infiammabili da e per le isole del Golfo di Napoli, finalizzato a uniformare le condizioni di offerta dei servizi e all’azzeramento di ogni dinamica concorrenziale, in termini di possibilità di scelta da parte della domanda, di qualità e costi dei servizi di trasporto offerti.

L’Agcm ha ora reso noto che, con una comunicazione del 1 luglio 2020, le parti coinvolte in questa procedura hanno presentato impegni consistenti, in sintesi, nell’impegno a sciogliere Cotrasir e Gml e ad astenersi in futuro dall’attuazione di forme di concertazione finalizzate alla prestazione dei servizi analizzati dall’istruttoria, ivi comprese eventuali gestioni in forma consortile dei medesimi; nell’impegno a dotarsi e a dare attuazione a specifici programmi di compliance antitrust conformi alle Linee Guida adottate dall’Autorità Autorità e a sottoporne il contenuto all’Agcm per approvazione, nonché ad aggiornare i medesimi con cadenza annuale; nell’impegno a incontrare periodicamente, in tavoli tecnici appositamente convocati, i principali clienti ed enti locali fruitori dei servizi di trasporto analizzati dall’istruttoria, al fine di verificare la possibilità di incrementare la qualità dei servizi in ragione delle esigenze che verranno manifestate nel corso degli incontri; nell’impegno ad applicare un cap sui prezzi dei servizi analizzati dall’istruttoria.

In particolare, Traspemar, Mediterranea Marittima, Giuffré e Lauro e Medmar Navi si impegnano ad applicare ai clienti, per la prestazione dei servizi in questione, prezzi non superiori ad alcuni corrispettivi dettagliatamente elencati in due appositi allegati al formulario impegni e individuati distintamente per la tratta Ischia – Procida – Napoli (Casamicciola -Procida- Pozzuoli per il trasporto rifiuti) e per quella Napoli-Capri.

- Advertisement -

1 commento

  1. Certamente devono favorire il fratello del consigliere regionale che già gode di numerosi……abusi effettuati
    senza interventi del Comune di riferimento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

Fiamme a Panza nell’area rifiuti. Paura e fumo

Pompieri in azione a Forio. In fumo una quantità non precisata di materiali ammassati nell’area di travaso NU...
- Advertisement -