martedì, Giugno 15, 2021

Terracciano: «Ischia forte ma il Barano vuole fare bella figura»

ECCELLENZA | RITORNA DE SIMONE. IL D.S. TERRACCIANO È CONCRETO

In primo piano

Il Barano e l’Ischia (unitamente al Real Forio che però riposerà alla prima) ieri hanno ripreso la preparazione sotto un fastidioso vento di Maestrale. Al Testaccio si è rivisto Luca De Simone, il difensore centrale che in un primo momento aveva deciso di chiudere anticipatamente. I “calcettisti” Mainolfi e Polito si sono ben integrati così come la “colonia” lacchese. Secondo allenamento per il neo portiere Marino, classe 2000. Gianni Di Meglio sta cominciando a fare le prove generali in vista del derby di sabato, potendo avere delle alternative soprattutto tra centrocampo e difesa (adesso i centrali diventano quattro). A seguire l’allenamento anche Mario Terracciano, anch’egli prossimo al primo appuntamento ufficiale nella nuova veste di direttore sportivo. «Sicuramente incontriamo una delle candidate alla vittoria finale. Sappiamo che sarà una partita per tanti un po’ speciale – spiega Terracciano – anche se per me una partita vale l’altra. Quindi che sia l’Ischia o che sia il Pianura o il Napoli United non deve cambiare né l’approccio né la mentalità. Sappiamo che sarà una partita sicuramente difficile, che andiamo ad affrontare una società organizzata e una squadra molto preparata sia dal punto di vista della qualità che sotto l’aspetto tecnico. L’Ischia ha giocatori importanti».

Rivoluzione Barano

Sarà un Barano rivoluzionato rispetto a quello che affrontò l’Ischia a ottobre, con diversi volti nuovi visti gli inserti di alcuni elementi del Lacco. Una squadra comunque sbarazzina che può divertirsi in questo mini-girone. «Siamo una squadra che punta a fare bella figura in questo girone attraverso il gioco che mister Di Meglio può esprimere. Giocare per divertirci, visto che non abbiamo l’assillo di dover vincere e la salvezza è garantita».

Dopo aver recuperato l’attaccante Angelo Arcamone, il d.s. Terracciano è riuscito a convincere anche il difensore Luca De Simone, tra l’altro puteolano come lui. Adesso si può dire che il Barano ha qualche pedina esperta in più nel suo organico. «C’è sempre bisogno d esperienza, questo è poco ma sicuro. Però siamo una squadra che vuole ben figurare indipendentemente da chi gioca. Quindi anche se la nostra è una squadra abbastanza giovane, l’importante è andare in campo ed impegnarsi, cercando il risultato attraverso il divertimento. Allo stesso tempo – prosegue Terracciano – sappiamo che bisogna ben figurare e per fare ciò bisogna andare preparati sia mentalmente sia fisicamente ma anche conoscendo l’avversario che affronteremo sabato. Ripeto, l’Ischia è una pretendente al campionato e bisognerà stare bene attenti».

Sarà un campionato particolare

Quello che inizierà fra tre giorni è un campionato particolare, molto corto, con una fase finale inedita, che nella parte decisiva sarà condizionato dal caldo. Tra gli addetti ai lavori della terraferma circolano i nomi delle principali pretendenti, grosso modo quelli da noi fatti la scorsa settimana, ma a quanto pare l’Ischia gode di scarsa considerazione. Terracciano conosce tanti ambienti avendo girato molto, è stato compagno di squadra di calciatori ancora in attività ma anche di colleghi d.s. e dopo l’intenso mercato di questi giorni un’idea se la sarà fatta… «Nel nostro girone, Pianura, Ischia e Napoli United vanno per la maggiore. Le altre stanno costruendo buone squadre perché vedono questo torneo come una grande chance da giocare. Non sono poche le società che si sono attrezzate non per partecipare ma per vincere. Tra queste Scafatese, Angri, Mariglianese – spiega il quarantenne d.s. bianconero –. Non sono poche le squadre in terraferma che stanno investendo risorse economiche per giocarsi questa chance».

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

SILENZIO D’ANGELI. E’ estate, il commissario di Serrara Fontana sospende le attività edilizie: non bisogna fare rumore

Serrara Fontana: il divieto vale solo per i privati e non per gli Enti pubblici. Nel borgo di Sant’Angelo tutto fermo dal 10 giugno al 30 settembre, nel resto del territorio comunale dal 1 agosto al 15 settembre. Nel mirino anche le attività di svago rumorose. Evidenziata la necessità di garantire la tranquillità di turisti e residenti
- Advertisement -