Teresa è stata una benedizione per chiunque l’abbia conosciuta

0

Corrado Visone | Ci sono persone che quando le incontri hanno il dono incommensurabile di portare gioia e serenità, sono persone rare, che nonostante affrontino come tutti, le prove della vita, hanno la capacità di vivere con un sorriso stampato sul volto. Teresa era, anzi è, una di queste persone. Una persona che affronta i problemi, a volte i drammi dell’esistenza, con un candore e una leggerezza che danno la misura della sua statura morale. Tanti ricordi mi legano a lei, e adesso affiorano tra una lacrima e un sorriso. Ricordo ad esempio il giorno in cui mi disse che stava male.

Era un giorno di festa per lei, festeggiava il compleanno dell’amatissimo figlio Ciro in un locale di Ischia Ponte. Viene al tavolo dove sono con la mia ragazza a mangiare un panino e ci dice della malattia. Io rimango inebetito, sconvolto, e lei con un perfetto tempo comico, in cui è maestra, guarda nel piatto, guarda me e dice “E vuò magnà ca se fa friddo.” Come a dire, non è importante, non è importante il male, il dolore, la chemio, i pensieri e le paure, quello che conta è stare insieme, fare festa, regalarci sorrisi e felicità. Quel giorno poteva chiudersi in casa a disperarsi, invece è andata a festeggiare. Questa è Teresa, una che si è goduta la vita fino in fondo. Ma la grandezza di Teresa sta nella gioia e nel coraggio che ha regalato agli altri. Il suo talento artistico, completamente naturale, regalava ore di infinite risate al suo numeroso pubblico, la mimica e la presenza scenica non la facevano sfigurare tra i professionisti della recitazione.

Teresa è stata una benedizione per chiunque l’abbia conosciuta, ricordo i primi passi nella nuova sala teatrale, e lei presente in un pubblico di pochissime persone, ci incoraggiava ad andare avanti e superare le difficoltà perché le cose sarebbero andate meglio. Aveva ragione lei. Non amava i ruoli drammatici, ma li ha sostenuti da grande attrice, e Teresa è una grande attrice perché è vera, perché è così, senza artificiosità, ipocrisie o piccinerie, è una donna dal cuore enorme. Quel che ha fatto nel sociale, per la sua Casamicciola, per le persone meno fortunate, anche e non solo attraverso i suoi spettacoli che dovevano sempre avere, per sua scelta, una finalità benefica, è ben noto. Il cuore di Teresa, il suo sorriso, la sua straordinaria voglia di vivere mi fanno compagnia ora che è andata a prendersi gli applausi del cielo. La sua capacità di affrontare le prove, che negli ultimi anni sono state tremende, tra la malattia e la perdita contemporanea degli amatissimi genitori, è davvero da esempio per tutti. Teresa ha dato tutto l’amore che aveva a tutti.

Per questo è stata così amata, per questo continueremo ad amarla. Abbraccio Massimo, Ciro e tutta la sua famiglia, Tonino e tutti i ragazzi della compagnia gli Scacciapensieri. Il sipario sulla vita e sull’indimenticabile sorriso di Teresa Lombardi non si chiuderà mai.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui