fbpx

T3R contro Balga e Comune, seduta rinviata a Febbraio

Must Read

Si è discusso ieri innanzi al TAR Campania l’articolato ricorso presentato dalla T3R avverso l’affidamento della gestione del servzio NU del comune di Lacco Ameno. I giudici amministrativi non entrano nel merito del ricorso. Tutto rinviato a febbraio quando il TAR discuterà ampiamente le questioni poste sul banco. Un attacco diretto alla concorrente Balga ma anche alla politica e all’amministrazione locale cominciato ancora prima dell’affidamento. La società di Moncalieri, dopo aver ceduto a malincuore il testimone alla società ischitana, ha mostrato subito le sue perplessità ed i dubbi afferenti le procedure, inviando prima una specifica richiesta di accesso agli atti e poi ricorrendo alle vie legali per inficiare le procedure di gara. La posta in palio era alta ed a ben vedere la Team Tre Erre non ci sta a vedersi sfuggire il premio dalle mani. L’indizione di gara per l’affidamento dei servizi ora nel mirino delle concorrenti era per una durata di anni due salvo minor tempo in caso di subentro di nuovo gestore dei rifiuti a seguito di gara in­detta dall’Autorità d’Ambito (A.T.O. o S.T.0.). Si tratta dell “”Servizio di Raccolta, Trasporto e Smaltimento Rifiuti Solidi ed Urbani e Raccolta Differenziata con il sistema Porta a Porta nel territorio comunale, spazzamento e diserbo delle aree pubbliche, pulizia degli arenili non in concessione, pulizia di griglie e pozzetti stradali e rifiuti cimiteriali nel Comune di Lacco Ameno”. La Balga, grazie ad un ribasso del 10,5%, si era aggiudicata l’importante e lauto affidamento per complessivi Euro 2.015.019,07 oltre IVA come per legge. Fino ad allora, per tre anni e più, la ditta TEAM 3R Am­biente S.r.l. svolgeva per l’importo complessivo di € 433.957,92 oltre IVA al 10% , pari ad una rata mensile di € 72.326,32 oltre IVA al 10%. La T3R aveva per questo chiesto che si verificassero nuovamente i requisiti e le procedure avvallate dal trio Gaetano Grasso, Raffaello Russo e Maria Mugione ritenendo di aver subito un torto nella valutazione degli stessi requisiti. A larghi tratti ritenendo che l’appalto lacchese fosse stato confezionato ad hoc per la società isolana risultata poi vincitrice, la Balga Segnalazioni e rilievi sui quali ore il TAR è chiamato a fare chiarezza. L’importante verdetto a febbraio.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

«Per la frattura al braccio di mio figlio al Rizzoli hanno sbagliato tutto!»

Ugo De Rosa | Ci risiamo con un episodio di malasità all'ospedale Rizzoli. Una vicenda che ha coinvolto una famiglia...