Svegliate i sindaci dal sonno! Se ci attaccano sulle terme è finita

Attacco mediatico. Facciamo sentire la nostra voce. Con le terme non si gioca. Con le terme ci facciamo male!

0

Gateano Di Meglio | Quello che ieri mattina ha pubblicato il Corriere del Mezzogiorno e che gira sul web circa l’indagine dei NAS e le terme di Agnano è un argomento serissimo.
Ho letto l’articolo web e, sinceramente, l’ho trovato molto generico ma non è questo il problema. La storia delle Terme di Agnano e la gestione della Legionella è sicuramente serio e non va sottovalutato. Così come è giusto dire che la magistratura deve fare il suo percorso, le sue indagini e verificare ogni aspetto di questa vicenda.

Anzi, dirò di più, è bene che i Carabinieri dei NAS facciano tutti i controlli. Però è giusto che Ischia si difenda.
E’ giusto che i sindaci difendano il nostro core business. Sarebbe giusto che i sindaci scrivessero al Corriere del Mezzogiorno e, rimarcando la fiducia nella magistratura, dicano che noi ad Ischia la legionella la combattiamo senza battere ciglio. Chiudiamo le stanze degli alberghi, li costringiamo a fare i controlli e la sanificazione. Teniamo l’attenzione alta con i controlli dell’ASL e facciamo le pulci alle nostre acque. Diciamo che le nostre terme sono analizzate con frequenza sia batteriologicamente sia chimicamente con cadenza programmata.

Diciamo che negli anni scorsi i NAS e l’ASL ci hanno spremuto come dei limoni. Diciamo che ci hanno messo ko. Diciamo al mondo che NAS e ASL ci hanno controllato cucine, sale ristoranti, cibi e quanto altro.
Diciamo che le nostre attività sono sotto pressione da parte di ASL e NAS. Rifacciamo i bagni, gli antibagni, le celle frigoriferi, i banconi e tutte le prescrizioni che una volta arrivano dai NAS e l’anno dopo dall’ASL.
Se parte una campagna contro le terme di Ischia, se l’indagine dei NAS scoppia è bene che ricordiamo al mondo che ad Ischia, al massimo, c’è un problema penale e personale del singolo ma evitiamo che tutto questo possa farci male.
Questa, rispetto a tante altre indagini è quella che potrebbe farci male. Malissimo.

E sono questi i momenti in cui si vede chi ci tiene all’isola e chi no. E speriamo che i sindaci si “sveglino dal sonno” e inizino a difendere le nostre comunità, le nostre imprese, le nostre aziende.
Al netto delle responsabilità dei singoli!
E se i sindaci continuano a dormire ancora, allora speriamo che Giancarlo Carriero, Peppino Di Costanzo e quanti altri hanno potere e voce in capitolo, fino al poco utile Luca D’Ambra di Federalberghi, facciano sentire la loro voce. Con le terme non si gioca. Con le terme ci facciamo male!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui