Supporto informatico all’Anagrafe, Advanced “savieee” assunzioni

800 euro al mese per due unità lavorative: selezionate, ovviamente, in maniera "SAVIA"

0

Ugo De Rosa | Il Comune di Forio si adegua alle novità nella Pubblica Amministrazione ed ha aderito all’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR), oltre che dare il via alle procedure di rilascio delle carte d’identità elettroniche.

L’adesione alla piattaforma nazionale della popolazione residente consente dei vantaggi che vengono descritti nella «maggiore efficienza nei servizi della P.A. nonché l’allineamento delle basi locali con basi di interesse nazionale». C’è però il rovescio della medaglia. Infatti «esigono una assistenza/supporto informatico agli uffici che operano con i servizi telematici».

Questo viene riportato nella determina del dirigente del II Settore Diamante Cava, competente anche ai servizi demografici. Per garantire tale supporto, non avendo al momento Del Deo in programma nuove assunzioni per rinforzare il II Settore, si è deciso di avvalersi di un tecnico dipendente di una società privata già in rapporti con il Comune.

La dirigente Cava fa infatti espresso riferimento (come avviene sempre in questi casi) alla «generale carenza di personale nell’ambito della struttura amministrativa e lo stato di precarietà del 2do settore per l’esiguo numero di unità lavorative assegnate sul quale incombono adempimenti ineludibili per legge non assolvibili da parte degli stessi».
Scartata anche l’idea di contattare singoli esperti per affidare un incarico. Si è preferita la soluzione “savia”, rivolgendosi alla Advanced Medialab Consulting, che è già affidataria del servizio di manutenzione informatica, aggiornamento del sito istituzionale dell’Ente e di manutenzione del sistema di videosorveglianza, chiedendo una proposta economica. La società ha comunicato «di poter disporre di specifica risorsa tecnica da prestare a favore del 2do settore dal lunedì al venerdì e dalle ore 9 alle ore 12» per un corrispettivo di 800 euro mensili.

Proposta ovviamente accettata. Il “prestito” pagato del tecnico per fronteggiare queste impellenti esigenze di ufficio al momento è previsto che duri per il periodo dal 15 settembre al 31 dicembre 2019. La spesa totale a carico del Comune quindi ammonterà a 2.800 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui