“Stupro” verde in pineta ad Ischia con il silenzio assenso della Soprintendenza

RADUNO DOMANI MATTINA, SABATO, ALLE ORE 10.30. Raduno nel parcheggio antistante il supermarket Conad in Via Michele Mazzella: GIU' LE MANI DALLA PINETA

0

Quello che Enzo Ferrandino rivendica come un passo green della sua amministrazione, nei fatti, è solo un inutile e cattivo sfregio alla pineta degli Atleti. Un’assurda violenza all’ambiente del comune di Ischia, alla sua vegetazione e alla sua formazione. Una pineta, quella degli Atleti, da sempre dimenticata dall’amministrazione di Ischia. Abbandonata nella parte alta, quella che da Fondo Bosso costeggia Via Leonardo Mazzella.

Una pineta vandalizzata più volte, una pineta senza assistenza e senza troppa attenzione che ora viene violentata, come denunciano le associazioni ambientaliste e non solo.

Un po’ di dati. Lo scempio che distrugge la pineta inizia con determina dirigenziale n. 510 del 28 marzo 2019, in cui, tra l’altro, si è determinato di approvare i verbali di gara del 21 gennaio 2019, del 4, dell’11 e del 15 febbraio 2019, di prendere atto che la ditta S.A.E. societa’appalti edili S.R.L. non ha presentato alcuna offerta economica e, pertanto, risulta esclusa dalla gara e quindi di approvare l’aggiudicazione definitiva ed efficace dei lavori “Analisi ed interventi per il miglioramento della mobilità e della sicurezza stradale del Comune di Ischia” alla ditta GENIALE S.R.L., con sede legale in Napoli, alla via Benedetto De Falco, n.16, che ha offerto un ribasso in percentuale di 36,895% oltre IVA come per legge, per un importo contrattuale pari ad € 121.584,81 oltre oneri per la sicurezza, pari ad € 6.135,18 oltre Iva al 22% per un importo complessivo pari a € 155.818,39.

Dal febbraio 2019 si passa al 13 gennaio 2020 quando vengono consegnati parzialmente i lavori ad oggetto: “analisi ed interventi per il miglioramento della mobilità e della sicurezza stradale del comune di Ischia” e viene accolto anche l’anticipo liquidazione alla Geniale S.R.L. che ha fatto richiesta di anticipazione del 20% sull’importo contrattuale. Il 16 gennaio viene tra l’altro determinato di procedere alla liquidazione della somma complessiva di Euro 25.544,00 oltre IVA al 10%, pari a complessivi Euro 28.098,40, alla ditta.

Dopo aver incassato i primi 25mila euro, la società Geniale s.r.l., con nota del 6 febbraio 2020 ha richiesto di voler subappaltare le opere di lavori di scavo e pulizia per la realizzazione della pista ciclabile, nonché fornitura di materiale per la realizzazione della nuova pista, nonché lavori di riqualificazione di rotatoria stradale secondo l’elenco dettagliato delle lavorazioni da eseguirsi presso la Pineta con ingressi da Via Michele Mazzella come indicato nei disegni e nelle specifiche allegati alla richiesta di subappalto e cioè delle opere di cui la committente è affidataria per un importo complessivo presunto di Euro 38.000,00 oltre IVA.

Un subappalto che la Geniale srl sottoscrive con la ditta Murziello Costruzioni e pitturazioni di Mendella Antonio, la stesa che ha eseguito i lavori di rimozione dei “cazzimbocchi” del girotondo a Barano d’Ischia.

IL PROGETTO FOLLE. L’ing. Gioacchino Taglialatela, marito della consigliera comunale di maggioranza Titti Lubrano Lobianco, si è visto affidare l’incarico di Progettazione esecutiva, di Direzione dei Lavori e di Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione per il corrispettivo di € 15.450,00 oltre CNPAIA al 4% pari ad Euro 618,00 ed IVA al 22% pari ad Euro 3.534,96 per un importo complessivo di Euro 19.602,96 riferito al progetto che prevede «Lavori analisi e interventi per il miglioramento della mobilità e la sicurezza stradale nel comune di Ischia. Affidamento incarico di progettazione esecutiva, direzione lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, ai sensi dell’art. 36 comma 2 lettera a) del d.lgs. 50/2016. approvazione schema di convenzione” con determina N. 184 del 16 febbraio 2018. Il progetto prevede la realizzazione di una pista ciclabile, contestata da tutti, che si sviluppa come una ruota per criceti (come definito di recente) all’interno della pineta degli atleti.

L’AUTORIZZAZIONE del 2018. Dopo lo scandalo di Piazza degli Eroi, dopo lo scempio del Pontile Aragonese dove la Soprintendenza ha permesso che il pietrame storico venisse divelto e sostituito con altro scadente, arriva questo strano silenzio, datato  2018. Il comune di Ischia, infatti, invia la richiesta di realizzare questo scempio progettato dal marito della consigliera comunale Titti Lubrano Lavadera per circa 16mila euro alla Soprintendenza il 28 maggio del 2018.

Trascorrono i 60 giorni previsti dall’articolo 146 e, formatori il silenzio assenso tra le amministrazioni, il comune si auto concede, l’autorizzazione paesaggistica numero 10 del 3 agosto 2018. Un’autorizzazione firmata dal pensionato, responsabile del paesaggio, Gaetano Grasso.

GLI ATTACCHI ALL’AMMINISTRAZIONE. LA DIFESA DELLA PINETA

Uno scempio che hanno denunciato in tanti e che, però, oltre queste colonne coraggiose, solo da pochi giorni ha trovato altri nemici. “Legambiente Ischia” e “Gli Alberi e noi Isola Verde” sono stati i primi ad alzare i toni. Finalmente!

«Le associazioni Legambiente Ischia e Gli alberi e noi – Isola Verde – scrive Lilly Cacace presidente associazione “Gli alberi e noi – Isola Verde” -, in merito al progetto relativo alla realizzazione della pista ciclabile nella Pineta degli Atleti, esprimono una serie di considerazioni riguardanti sia l’opportunità di tale progetto sia le modalità di realizzazione dello stesso. Prima di tutto, le associazioni si chiedono se il progetto abbia tutte le autorizzazioni urbanistiche e ambientali, andando ad apportare significative modifiche in un SIC (Sito di Interesse Comunitario) soggetto alla Direttiva Habitat e vincolato dal PTP. Inoltre esprimiamo un forte dissenso nei confronti della scelta progettuale di prevedere una pista ciclabile (altrove benvenuta in un’ottica di mobilità sostenibile) in un ecosistema fragile e già provato da diverse infestazioni parassitarie che hanno portato a morte numerosi alberi. Gli interventi finora effettuati hanno già creato danni: infatti lo scavo per la realizzazione della pista ha portato alla rimozione di diverse piante e rocce che costituivano elementi importanti dell’ecosistema del SIC, alterando significativamente la morfologia dei luoghi. Alcuni alberi – attaccano forte – sono stati seriamente danneggiati esponendo le radici. Infine il materiale utilizzato per la realizzazione della pista, che ci era stato assicurato fosse ecologico, appare invece un misto di inerti di riciclo e terreno, sicuramente non consono al luogo. Ci preoccupa inoltre la prosecuzione del percorso, che a quanto ci è dato sapere dovrebbe snodarsi in una zona ricca di vegetazione e con un’orografia articolata, ecologicamente e paesaggisticamente rilevante. L’amministrazione del Comune di Ischia, che in altre occasioni si è dimostrata attenta nei confronti della comunità riguardo ai valori ambientali, in questo caso sembra operare in maniera perlomeno avventata, ed è auspicabile che riconsideri il progetto – conclude -, anche alla luce delle osservazioni qui proposte».

A queste accuse, fa eco, il Coordinamento delle Sinistre di Opposizione ha fissato per domani mattina, sabato 22 febbraio, alle 10.30 un raduno nel parcheggio antistante il supermarket Conad in Via Michele Mazzella per un sit in di protesta.

«Il Coordinamento delle Sinistre di Opposizione – scrive per il Coordinamento Gianni Vuoso –  costituitosi recentemente anche sull’isola d’Ischia, ha indetto per sabato 22 febbraio alle ore 10.30, una pubblica manifestazione per protestare contro lo scempio della Pineta degli Atleti di Ischia, messo in atto dall’Amministrazione comunale di Ischia, nell’intento di realizzare una pista ciclabile. Sono sempre più numerose le voci di dissenso nei confronti di tale progetto che riteniamo immotivato e lesivo della integrità geomorfologica della pineta. Il Coordinamento, cui appartengono partiti politici e associazioni ambientaliste e culturali, ha quindi deciso di esprimere con forza il proprio NO al lavoro che ha già preso il via e anche in modo abbastanza irregolare. Pur confermando la necessità di creare degli spazi riservati alle bici e ai pedoni – scrivono quelli di Sinistra -, lungo le arterie comunali sovraffollate dalle auto, nell’intento di creare davvero e concretamente, un’isola green, il Coordinamento grida GIU’ LE MANI DALLA PINETA. L’appuntamento quindi è fissato per sabato prossimo alle 10.30 con raduno nel parcheggio antistante il supermarket Conad in Via Michele Mazzella».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui