Stasera ad Ischia Ponte “Cento Pezze d’Amore”

0

Un elemento architettonico ha fatto la sua comparsa alle prime luci del giorno del 27 agosto ad Ischia Ponte, proprio tra la chiesa dello Spirito Santo e la fontana decorata con le opere di Mascolo. Una colonna ed un mezzo arco… un simbolo che in pochi conoscono, ma il cui significato sarà, noto a tanti dopo l’evento tanto atteso del prossimo 28 agosto sera.
Quello che vedete anche in foto è un particolare costruttivo della porta del martello, struttura di epoca Aragonese,demolita nel Seicento. L’antichissimo ingresso di Ischia Ponte è stato riprodotto per motivi logistici in scala ridotta, su progetto di Luca Mazzella, da molti artigiani locali, tra cui Franco Assante e Antonio Cutaneo.
Attorno a questo elemento storico prenderà il via la tanto attesa rappresentazione teatralizzata itinerante “Cento Pezze d’Amore”, la riproposizione in costume delle tappe principali della vita del Santo Patrono, San Giovan Giuseppe della Croce.
La sua storia, ricca di particolari e di dettagli unici, ha affascinato non poco i giovani (e non) partecipanti all’evento e appassionerà anche gli spettatori. Sono davvero tanti gli episodi legati a lui, al frate dalle “cento pezze” come viene soprannominato, così tanti da, spesso, non essere conosciuti abbastanza dagli isolani. Portare in strada, più che in scena, tali episodi serve anche per diffondere gli insegnamenti derivanti dalla vita e dall’opera del Santo Patrono che ad Ischia Ponte avrà luogo un evento di straordinaria intensità e coinvolgimento.
Il concept dell’evento è chiaro e porta la firma di Corrado Visone e Valerio Buono che, assieme a gruppi variegati di figuranti, sono stati visti sempre più assiduamente in strada ad Ischia Ponte in cerca della location perfetta e mostrando agli attori la tempistica esatta delle scene.
Il borgo antico di Ischia, con le sue strade basolate e i suoi storici palazzi, sarà il setting naturale della rappresentazione che interesserà l’intero percorso.
A partire dalle ore 21.00 il borgo di Ischia Ponte si trasformerà in quel villaggio che, tanti secoli fa, vide passeggiare per le sue stradine polverose proprio lui, ‘u zellus, ‘u cento pezze… San Giovan Giuseppe della Croce. Uno spettacolo dai toni moderni e coinvolgenti che farà entrare nell’opera anche il pubblico grazie alle scene itineranti che interesseranno tutte le strade principali del borgo.
Strade che saranno “trasformate” da dettagli e elementi nuovi. Sarà possibile, poi, gustare presso i locali aderenti all’iniziativa, menù storici ricercati ed interessanti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui