fbpx

Spacciava sulla spiaggia di San Montano, condannato

Droga. Raffaele Cella se la cava con un anno e quattro mesi

Must Read

Il ventunenne spacciatore napoletano giunto nell’ultimo week-end in trasferta a Ischia è stato condannato a un anno e quattro mesi di reclusione ed il tribunale ha anche disposto la confisca di quanto in sequestro. Vale a dire la sostanza stupefacente rinvenuta dai carabinieri della Compagnia di Ischia, il bilancino elettronico, altro materiale per il confezionamento e soprattutto la somma in contanti di 980 euro. E’ ciò che ha ricevuto dal giudice l’imputato giudicato in stato detentivo, Raffaele Cella, giunto dai quartieri Mercato-Pendino e soggetto già conosciuto da tempo dalle forze dell’ordine.

Il giovanotto in questione aveva pensato bene di darsi da fare soprattutto nelle ore serali e notturne per piazzare la sostanza stupefacente che si era portato con sé da Napoli. Utilizzando luoghi poco frequentati e soprattutto scarsamente illuminati. Posizionandosi sulla spiaggia di San Montano a Lacco Ameno. Luogo dove è stato intercettato dai militari della Benemerita, che lo hanno sorpreso in flagranza mentre cedeva due dosi di cocaina ad altrettanti affezionati clienti. Incassando la relativa somma. Immediatamente dopo lo scambio sono intervenuti i carabinieri, che una volta bloccato lo hanno sottoposto ad un’accurata perquisizione, rinvenendo altre 13 dosi della medesima sostanza, nonché un pezzo di hashish che molto probabilmente era pronto per essere venduto a un acquirente più affezionato.

Oltre alla droga, il Cella custodiva nelle sue tasche un bilancino elettronico di precisione e diverso materiale necessario per confezionare la droga. E un quantitativo di denaro in banconote di piccolo taglio, a dimostrazione che era in atto un’attività di spaccio. Dichiarato in stato di arresto, il pubblico ministero ha ordinato che venisse trattenuto nelle camere di sicurezza per essere poi trasferito nella giornata di ieri dinanzi al giudice per essere giudicato per direttissima. E se l’è cavata con un anno e quattro mesi.

1 commento

  1. Quindi per un anno e quattro mesi possiamo stare tranquilli. Sulla spiaggia sentiremo solo la voce simpatica che dice, non fare lo sciocco mangiati il cocco. :-). :-). :-).

Rispondi a Rossy Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Lunedì l’ultimo saluto a Manuel Calise. Lutto cittadino su tutta l’isola dalle 11.00 alle 12.00

Ida Trofa | E’ tornato ai suoi affetti, alla sua amata terra, il corpo del giovane Manuel Calise. Ad...