mercoledì, Gennaio 27, 2021

Solidarietà, dispiacere e iniziative | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 5 novembre 2020

In primo piano

Scoperto un traffico internazionale di “fumo”, arrestato un ventenne isolano. L’indagine è partita da Malaga in Spagna

L’organizzazione farebbe capo ad un gruppo di spagnoli che aveva ideato la consegna tramite una grossa ditta di corrieri. Oltre al giovane, T.T. di 20 anni, sono stati intercettati anche due compagni per i quali si è proceduto con la denuncia a piede libero. L’arrestato si è difeso spiegando che la sostanza proveniente dall’estero era acquistata per uso personale. I 300 grammi sequestrati non hanno convinto il pubblico ministero

Firme contro il Don. L’addolorata di Forio non si tocca!

Luciano Castaldi | Sono anni difficili, sicuramente interessanti. Ma nonostante tutto, nonostante la pandemia, le restrizioni, le privazioni di...

Casta & Demanio a Lacco Ameno: l’attacco alle concessioni di Sindaco, Assessori e fedelissimi elettori…

Fronte demaniale. L’ultimo attacco alle concessi illegittime e agli abusi politici: Lacco Ameno trema! L’opposizione di Domenico De Siano passa al setaccio i “lascia passare” di Giacomo Pascale
- Advertisement -

Ieri ho avuto modo di trattare la vicenda del “Calise”, tratteggiando un modo a mio giudizio del tutto errato nell’affrontare l’argomento da parte dell’opinione pubblica ischitana e del mondo social in particolare, ovvero una sorta di de profundis anticipato quanto gratuito, proprio come le voci che parlano di già avvenuto fitto delle aziende dei fratelli Emiddio, Nina ed Elsa.

- Advertisement -

E proprio grazie a questo accostamento, dove la solidarietà e il dispiacere -quelli veri- reputo siano del tutto assenti dalle nostre parti, mi balza agli occhi questa notizia tratta da repubblica.it, che mi piace riproporre non solo per l’affinità merceologica tra Calise e due autentici colossi del fast food mondiale, ma proprio per far capire ai tanti soloni che si stanno esprimendo prevalentemente a sproposito (come diciamo in napoletano, “a schiòvere”) che le iniziative da adottare in certi casi sono ben altre.

Ordinate da Mc Donald’s“: l’invito, via Twitter, arriva dalla sede britannica di Burger King. L’obiettivo è quello di salvare i posti di tutti i lavoratori del settore, nel momento in cui il Paese decreta il lockdown per via della pandemia. “Ordinate online, chiede Burger King, chiedete cibo da asporto: è l’unico modo di mantenere i ristoranti aperti nel momento in cui frequentarli è vietato per legge”. E l’invito non si limita a menzionare il tradizionale rivale: “Non avremmo mai pensato di incoraggiarvi a ordinare da KFC, Subway, Domino’s Pizza, Pizza Hut, Five Guys, Greggs, Taco Bell, Papa John’s, Leon, o altri ristoranti indipendenti, troppo numerosi per essere menzionati qui. In breve, da qualunque delle nostre sorelle delle catene alimentari veloci o non così tanto veloci“. I ristoranti, prosegue Burger King, “impiegando migliaia di lavoratori hanno bisogno del vostro aiuto“. Naturalmente  “un Whopper è sempre la cosa migliore, ma anche ordinare un Big Mac non è così male“, scherzano gli autori della campagna. Il Whopper è il panino più famoso di Burger King.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

L’ADDOLORATA DI FORIO NON SI TOCCA! il testo della petizione a Lagnese contro Don Emanuel Monte

A Sua Ecc.za Rev. Mons. Pietro Lagnese Amministratore Apostolico della Diocesi di Ischia. Al Reverendo Parroco Don Emanuel Monte,...
- Advertisement -