Sogliuzzo, Invernini, Rubino! L’Ischia ammazza il campionato?

0

Simone Vicidomini | L’Ischia sbanca il “Comunale” di Ottaviano con un 3-1 su una Virtus terza forza del campionato.

I ragazzi di Monti conquistano il decimo risultato utile consecutivo e continuano la marcia verso l’Eccellenza. La squadra gialloblù porta a casa tre punti importantissimi contro un avversario di tutto rispetto ed allunga momentaneamente a +11 proprio sullo stesso, portandosi a due lunghezze sopra al Pianura (in attesa della gara contro il Rione Terra). Se la formazione pianurese dovesse fare risultato,  potrebbe mettere un chiaro punto al campionato: non si disputerebbero i play-off in virtù dei 10 punti di distacco della seconda sulla terza in classifica. Tre reti ad una per i gialloblù che dopo aver sbloccato il match con un calcio di rigore di Sogliuzzo, hanno subito il pareggio di Evacuo sull’unica disattenzione difensiva. Un gol che ha galvanizzato i vesuviani che dopo poco hanno colpito un palo con lo stesso Evacuo. Una ripresa sofferta dagli isolani, che però hanno saputo colpire nei momenti giusti i padroni di casa, prima con Invernini (assist al bacio di Sogliuzzo) e Rubino nel finale (dopo un gol sbagliato da due passi di Castagna). Le due espulsioni di D’Amaro (doppio giallo) e Scudo (manata in faccia su Salatiello) hanno spianato la strada del successo all’Ischia.Discutibile l’arbitraggio del signor Esposito: almeno tre gravi errori, fra cui un rigore netto non concesso all’Ischia sullo 0-1 per un chiaro tocco con un braccio di Ianniello su un colpo di testa di Saurino. Una nota di merito, invece, va data anche ai circa trenta tifosi gialloblu accorsi al Comunale di Ottaviano per supportato la squadra. Si spera che con questa vittoria domenica il “Mazzella” al big match contro il Pianura avrà un bel colpo d’occhio, chissà….
LE FORMAZIONI – L’Ischia ha dovuto fare a meno di Monti jr fermo ai box con Buono fermato a pochi minuti prima della gara per un attacco febbrile. I gialloblù sono stati schierati in campo da Monti con un 4-3-3 che ha visto Mennella fra i pali, la linea difensiva composta da Aiello, Chiariello, Di Costanzo e Pistola; centrocampo con Di Meglio, Saurino e Trofa in avanti Castagna ed Invernini ai lati con Sogliuzzo al centro (Rubino parte dalla panchina). Sul fronte opposto l’Ottaviano è stato messo in campo da Iervolino con questi 11: Longombardi in porta, più Pianese, Ianniello, Iervolino, Garafolo, D’Amaro, Guarino, Cocozza, Evacuo, Scudo e Bruscino.


SOGLIUZZO-EVACUO, BOTTA E RISPOSTA – Inizio di gara molto equilibrato ma vibrante tra le due compagini che preferiscono non scoprirsi. Al’8’, primo squillo degli isolani con Castagna: conclusione sul versante di destra potente ma Longobardi blocca in due tempi. Al 21’ arriva l’episodio che sblocca il risultato. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo in favore degli isolani, Saurino viene messo giù da Ianniello in piena area: per il direttore di gara non ci sono dubbi, indicando il tiro dagli undici metri. Sul dischetto va Sogliuzzo che spiazza l’estremo difensore vesuviano per il gol del momentaneo 0-1. Il gol galvanizza nettamente la squadra isolana che sfiora il raddoppio a più riprese. Sogliuzzo ci riprova di testa su un cross di Castagna: pallone di un soffio fuori dallo specchio. Alla mezz’ora di gioco prodigioso intervento di Longobardi che nega il gol a Sogliuzzo – autore di una girata di destro al volo sotto porta – salvando il risultato. Dopo un giro di lancette, ai gialloblù non viene concesso un calcio di rigore (netto) per un tocco di braccio di Ianniello su un colpo di testa di Saurino. Questa volta per l’arbitro è tutto regolare. Sul capovolgimento di fronte, l’Ottaviano trova il pareggio. Rimessa laterale per i vesuviani con il pallone che arriva ad Evacuo in area di rigore: in assoluto stato di grazia, l’attaccante si libera del diretto marcatore e con una conclusione forte e precisa di sinistro batte Mennella. Il pareggio stordisce gli isolani che al 38’ rischiano addirittura di andare sotto: è il palo a graziare i gialloblù, sull’ennesima conclusione tentata da uno straordinario Evacuo. La prima frazione di gioco termina sul risultato di 1-1. 

INVERNINI CI METTE LO ZAMPINO – Nella ripresa il copione è piuttosto analogo, venti minuti di lotta soprattutto a metà campo, poi è di nuovo l’Ischia a spostare l’ago della bilancia. Monti manda in campo prima Salatiello che prende il posto di Di Meglio (non al meglio) e Rubino al posto di Di Costanzo. Saurino si abbassa sulla linea difensiva e Sogliuzzo si posiziona in cabina di regia, con Rubino al centro dell’attacco. Al 63′ azione insistita degli ospiti sulla destra tra Sogliuzzo e Trofa, con quest’ultimo che vede l’inserimento di Castagna in area: conclusione a lato. Al 65’, Saurino recupera palla nella metà campo, apre per Trofa che di prima serve Sogliuzzo: l’esperto centrocampista lancia in profondità Invernini che con un diagonale dalla destra beffa Longobardi per l’1-2. 

D’AMARO E SCUDO CHE INGENUITA’ – La frenesia gioca un brutto scherzo ai vesuviani che, presi dalla foga per la rimonta, pagano dazio sotto il profilo delle energie nervose. Ne fa le spese prima all’82’ D’Amaro, espulso per somma d’ammonizioni per un fallo a metà campo ai danni di Rubino; di lì a poco lo segue anche Scudo: inspiegabile la sua reazione nei confronti di Salatiello, colpito in corsa con un ceffone. Inevitabile il rosso diretto con l’Ottaviano che vede così chiudere la propria gara in nove.

 RUBINO LA CHIUDE – L’Ischia sfrutta a dovere la doppia superiorità, gestendo palla e partendo con delle accelerazioni improvvise. In pieno recupero (93′) i gialloblù chiudono definitivamente i giochi. Castagna ruba palla ad un avversario al limite dell’area, a tu per tu con Longobardi incredibilmente si fa respingere la conclusione; sulla ribattuta corta il numero 11 serve Rubino che da due passi ritrova l’appuntamento con il gol. Dopo 4’ di recupero termina la partita che vede l’Ischia espugnare Ottaviano per 3-1.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui