martedì, Giugno 15, 2021

Sisma&Messa in sicurezza. Cade anche l’ultimo chilometro di Zona rossa. Via D’Aloisio riapre

Le macerie restano li dov’erano a via Serrato. Necessario un ulteriore stanziamento

In primo piano

Via D’Aloisio. Pronti a ripartire. Riapre ufficialmente la “strada del terremoto“.Anche l’ultimo chilometro di zona rossa  cade. E non è la zona Rossa dell’emergenza Covid-19, ma quella legata al pur grave dramma del sisma. Nessuno squillo di tromba, nessun giubilo. Si tratta, in ogni caso, di una falsa ripartenza. Le macerie restano dov’erano, i ritardi e le gravi inadempienza restano macigni, soprattutto per le persone  e le aziende di questi luoghi maledetti a cui è stato preclusa ogni opportunità. Mancanze ed omissioni che pesano più dei crolli e del terremoto. Pesano  sul groppone di chi doveva intervenire in maniera celere e decisa ed invece non lo ha fatto, di chi aveva il ruolo e la posizione per agire e non ha agito. Eppure bisogna andare avanti. Sono state riviste proprio questa mattina dal sindaco le disposizioni   firmate all’indomani dell’evento calamitoso con l’ordinanza n°58 del 22 agosto 2017 a seguire le ordinanze n° 2 del 5 gennaio 2019 e la n°174 del 16 giugno 2020  . Tutto  in relazione ai danni al patrimonio edilizio causati dal sisma del 21 agosto 2017. I Lavori di messa in sicurezza di via D’Aloisio sono terminati ed è stato firmato il certificato di regolare esecuzione che consente la riapertura odierna.

Era il 23 gennaio 2019 quando il Commissario delegato Giuseppe Grimaldi mandava in attuazione  gli interventi pere Via D’Aloisio e Via Serrato. Dovevano essere impiegati 150 giorni e 731.361,85 euro per cambiare il volto del paese. Sono trascorsi 782 giorni e due commissari dopo si intravede la fine di una lavoro con cui abbiamo detto addio allo Stato di Emergenza nel miraggio di una ricostruzione rapida ed efficace che di fatto non c’è stata. 2 anni, 1 mese e 22 giorni si intravede la strada solo per via D’Aloisio. Via Serrato resta  così com’era. Carica di macerie e di dolore. In attesa di nuovi progetti e nuovi stanziamenti.

La falsa ripartenza

Doveva essere tutto  in tempo utile per lo scadere dello Stato d’Emergenza e ricostruire. Tutto per accender una nuova luce ed una rinnovata speranza quando ogni cosa sembrava piatta e senza vie di fuga. Per pensare a dare una svolta, per pensare di poter muovere tanti nuovi piccoli passi verso un lento ma graduale recupero. Resta solo una interminabile somma urgenza e la testimonianza dell’inefficienza dello Stato. Una falsa ripartenza. Non ci piace, ma ci serve. Non è risolutrice ma ci aiuta, mentre la ricostruzione privata purtroppo  non  decolla in un territorio dalle molteplici problematiche e dai vizi atavici. Per via D’Aloisio e via Serrato passerà ora  la rimozione delle macerie di Villa Maria n.7 dove Marilena Romanii è morta, passerà la procura per le famigerate perizie sui prodotti da crollo e l’indagine sul sisma di Ischia che proseguono ancora in un pantano di lentezza e burocrazia. L’attesa è tanta. Il comune di Casamicciola Terme in qualità di Ente attuatore dell’intervento riaprirà ora il tratto viario modificando le precedenti disposizioni. La strada verso il ritorno alla normalità, però è ancora lunga. 

La vera sfida comincia adesso.  782 giorni e 731.361,85 euro dopo. 

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

SILENZIO D’ANGELI. E’ estate, il commissario di Serrara Fontana sospende le attività edilizie: non bisogna fare rumore

Serrara Fontana: il divieto vale solo per i privati e non per gli Enti pubblici. Nel borgo di Sant’Angelo tutto fermo dal 10 giugno al 30 settembre, nel resto del territorio comunale dal 1 agosto al 15 settembre. Nel mirino anche le attività di svago rumorose. Evidenziata la necessità di garantire la tranquillità di turisti e residenti
- Advertisement -