fbpx

Sisma & Macerie. Via Serrato va alla SEBA srl. E oggi arriva la Procura per il “cantiere”

Must Read

Ida Trofa | Comincia a macinare procedure ed atti la scabrosa vicenda delle macerie di Via Serrato. A quattro anni dal sisma, Villa Maria, dove trovò la morte Marilena Romanini e rimasero intrappolati bambini, uomini e donne, resta ancora colpevolmente sulla strada. Vi restano tonnellate di tuffo e prodotti crollati. Pesa sulle coscienze e sul futuro della comunità del “Purgatorio”. Una espiazione continua a che si avvia al quarto anniversario. Ieri il capo dell’UTC Ing. Mimmo Baldino in vista dell’appuntamento con la Procura fissato per oggi 5 agosto, ha licenziato la procedura di affidamento, consegnando le chiavo del cantiere, si fa per dire alla, SEBA di Napoli. Il 3agosto il sorteggio verità. Ma andiamo con ordine e leggiamo insieme l’ordine delle procedure di Baldino

Via Serrato alla SEBA SRL per un importo di contratto pari ad euro 278.674,00 oltre IVA 22%
Con Determinazioni Segreteria Generale n. 306 del 04 agosto 2021 c’è stata l’approvazione verbale di gara e l’affidamento dei lavori Alle ore 11.00 del giorno 04 agosto 2021, data di scadenza dell’offerta, come si legge agli atti di Baldino, sono pervenute 4 offerte ed in particolare dei seguenti Operatori Economici:Edna Coop; La Fenice Srl; Edil Domus Srl; Seba S.R.L.

Nel merito vengono i lavori vengono aggiudicati alla Ditta SEBA SRL i lavori di che trattasi. “Verificata la documentazione di gara e riscontrata la regolarità delle procedure eseguite, la comprova dei requisiti dichiarati in sede di gara verrà effettuata con accesso diretto presso gli uffici ed istituzioni preposte e l’esito positivo determinerà l’efficacia dell’aggiudicazione definitiva“ ha sottolinearlo è il capo dell’UTC Mimmo Baldino. La Ditta SEBA SRL di Viale Michelangelo, 80, Napoli, NA, ha offerto un ribasso percentuale del 10,78% sull’elenco prezzi posto a base di gara, trattandosi di appalto “a misura” e pertanto viene determinato un importo di contratto pari ad euro 278.674,00 oltre IVA 22%.

Lo schema di contratto “a misura”, inerente i lavori in oggetto è parte integrante e sostanziale del progetto esecutivo approvato e che l’atto negoziale verrà sottoscritto dopo l’avvenuta efficacia dell’aggiudicazione stessa, per cui l’impegno di spesa viene rinviato a successivo atto, così come la rimodulazione del Quadro Economico.
Come è scritto nella determina d’ufficio “L’affidamento alla summenzionata Ditta qualificata all’esecuzione dell’intervento di che trattasi è immediato, finalizzato alla tutela dell’interesse pubblico e pronto garantire il raggiungimento dello scopo prefisso – che con OCDPC n. 476/2017 è dichiarato urgente, indifferibile e di pubblica utilità – volto a prevenire un pericolo per la pubblica e privata incolumità“.

Gli incarichi pro progetto esecutivo.
Nel merito dei lavori: “Rimozione macerie edificio crollato Via Serrato che dovevano essere seguita con il piano del vituperato stato di emergenza l’approvazione progetto esecutivo. Il piano prevedeva l’importo di circa € 500.000,00. E’ stato un luglio frenetico quello che pronunci l’arrivo dell a procura su via Serrato oggi. Dopo i gravi ritardi e gli errori di valutazione accumulati sin qui. Il 19 luglio Baldino firmava la determinazione a contrarre con la quale viene stabilito, tra l’altro, di approvare la Trattativa Diretta effettuata tramite la Piattaforma elettronica MEPA ed affidare, i servizi Progettazione esecutiva, Direzione Lavori, contabilità e redazione del Certificato di Regolare esecuzione dell’intervento, all’ing. Francesco Iacono per l’importo contrattuale di euro 41.763,71 oltre CNPAIA 4% ed IVA come per legge ed i servizi Coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, all’Arch. Mattia Di Costanzo per l’importo contrattuale di euro 11.491,48 oltre CNPAIA 4% ed IVA come per legge.

Un invito per 10.
Inoltre con la Determinazione del Responsabile di pochi giorni prima, del 15 luglio 2021 si stabiliva di dover dare corso agli adempimenti consequenziali ed avviare nelle more dell’approvazione del progetto esecutivo, la procedura per l’affidamento dei lavori.
Così si dà seguito agli adempimenti previsti dalla vigente normativa per la conclusione del contratto e pertanto, avviare la Manifestazione di interesse alla procedura negoziata per l’esecuzione dei lavori e di approvare lo schema di Avviso Pubblico per Manifestazione di Interesse.L’invito era rivolto ad almeno DIECI operatori economici – ove esistenti, nel rispetto dei principi di trasparenza e concorrenza, che si confronteranno con il criterio del minor prezzo.

Acquisito il progetto esecutivo dell’intervento, completo, dice Baldino, degli elaborati previsti.
Per un totale di progetto di € 506 181,14, lo stesso è stato approvato per a passare alla fase successiva. Ovvero il sorteggio degli operatori il cui elenco è stato approvato ancora dagli uffici tecnici locali. Il Responsabile Unico del Procedimento è il Responsabile dell’Area III Tecnica, Ing. Michele Maria Baldino.Cosi viene approvato il progetto esecutivo, redatto dai professionisti Ing. Iacono Francesco ed arch. Di Costanzo Mattia, come indicato dall’Amministrazione che l’opera è di pubblica utilità nonché urgente ed indifferibile per il Comune di Casamicciola Terme.

Procedura negoziata. I lavori saranno affidati mediante procedura negoziata, con invito ad un numero di almeno 10 operatori economici, individuati tramite sorteggio, tra le ditte che hanno partecipato alla manifestazione di interesse indetta Elenco operatori economici Con determinazioni Segreteria Generale n. 292 del 28 luglio per l’avvio della suddetta procedura negoziata c’è l’approvazione elenco degli operatori economici ammessi al sorteggio. Vien cosi dato atto che come si rileva dalla Piattaforma ASMECOMM “sono pervenute n. 129 richieste di partecipazione e che delle 129 richieste sono risultate ammessi al sorteggio n. 124 Operatori Economici, mentre n. 5 richieste sono state escluse così come risulta dal summenzionato verbale redatto dal Seggio di Gara in data 27 luglio 2021, per le ragioni li esplicate“.

Pro la di Baldino. L’Ente si riserva, di sospendere, modificare o annullare la procedura relativa all’avviso esplorativo e di non dar seguito all’indizione della successiva gara per l’affidamento dei lavori. Finalmente si può entrare nella fase pratica e concreta dell’attuazione dei lavori e delle opere che libereranno il Purgatorio, o almeno lo libereranno dai prodotti crollati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Proroga dell’allerta meteo: tutte le scuole dell’isola chiuse

In seguito alla proroga dell'Allerta meteo arancione, i sindaci dell'isola hanno disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine...