fbpx

Silvio Carcaterra a Mattarella: «Aiuti gli oncologici di Ischia!»

Finora tutte le istituzioni interpellate, dalle Amministrazioni locali al ministro Speranza passando per De Luca, hanno fatto orecchie da mercante. E intanto i pazienti oncologici sono costretti a recarsi in terraferma per ogni terapia od esame, con disagi insopportabili. Una situazione inaccettabile per un’isola come Ischia

Must Read

I numerosi appelli fin qui rivolti a tutte le istituzioni interessate alla sanità isolana da Silvio Carcaterra a nome dei pazienti oncologici isolani costretti a recarsi in terraferma per ogni tipo di cura sono caduti nel vuoto. A Ischia la sanità subisce tagli e ridimensionamenti e nessuno si cura degli insopportabili disagi che questi cittadini sono costretti a sopportare, come delle tante altre disfunzioni con cui siamo costretti a fare quotidianamente i conti. A questo punto Carcaterra, vice presidente dell’A.P.O. (Associazione Pazienti Oncologici) ha deciso di rivolgersi al Presidente della Repubblica. La lettera inviata a Mattarella è l’estremo tentativo di far ascoltare la voce dei “dimenticati”, come sono ormai diventati gli abitanti dell’isola d’Ischia, malati o sani che siano.

Leggiamo dunque l’accorato appello rivolto al Capo dello Stato: «Egregio Illustrissimo Presidente Della Repubblica Sig. Prof. Sergio MATTARELLA, mi presento sono Silvio Carcaterra, vivo ad Ischia (NA) 48 anni, coniugato e padre di una splendida bimba di 9 anni.

La scrivo perché ritengo opportuno informarla in merito ai DISAGI DISUMANI a cui siamo sottoposti noi Pazienti Oncologici.

La scrivo o meglio Le parlo da protagonista per cui vengo subito al dunque, sto combattendo contro questo “mostro” da circa due anni, e per tutto l’arco di questo periodo voglio rendere noto a Voi i disagi che attraversa ogni singolo paziente oncologico nell’affrontare il “cancro” tutto questo dovuto alle carenze e mancanze di strumentazioni tipo la “Pet-Tac” e Radioterapie”.

Cerco AIUTO in Voi affinché l’aspetto Sanitario sull’Isola d’Ischia possa migliorare per poter permettere ai tanti pazienti almeno nella malattia di vivere una condizione più agiata e non di sofferenza, cosa che ad oggi prevale.

Cito alcuni dei tanti disagi a cui dobbiamo far fronte ogni santo giorno e ogni qualvolta in occasioni di controllo della malattia stessa.

Siamo stanchi di dover andare e venire da Napoli, la malattia ci debilita, ci priva di forze, le cure a prescindere dalle chemioterapie o radioterapie sono tostissime per cui sia nel periodo invernale o estivo creano non pochi disagi, cattive condizioni meteo d’inverno, sole rovente d’estate, sono due aspetti da tener presente in maniera considerevole perché per il primo si rischia addirittura di non far rientro a casa, e il secondo è nocivo per la troppa esposizione al sole per cui si ripercuote sulla nostra salute. Altro aspetto importante è che ci sono pazienti come me ad esempio che portano una busta extracorporea, quindi diventa ancor più difficile protrarsi per lunghi spostamenti, da non trascurare poi le spese per raggiungere i centri convenzionati, per gli esami del caso, dico questo perché diversi pazienti non possono affrontare le spese; poi non ne parliamo dell’esenzione la famosa 048 che ad oggi risulta ancora sospesa, è vergognoso perché ad un paziente con patologia grave non andrebbe proprio toccata, forse verrà messa in vigore nuovamente, in primis si vociferava per il prossimo maggio adesso dalle ultime informazioni si è saputo che il famoso ripristino è slittato addirittura per luglio.

ISCHIA ZONA DISAGIATA

«Finora ho cercato d’interpellare in primis tutte le Amministrazioni Locali più quella di Procida, ho interpellato il Ministro Speranza, il Direttore dell’ASL Napoli 2 Nord Sig. Antonio D’Amore, i Direttori dell’ASL d’Ischia i Sig.ri Buono e Postiglione, il Governatore della Regione Campania il Sig. Vincenzo De Luca, il Pontefice Papa Francesco, le Amministrazioni Comunali d’Ischia e Procida, il Presidente dell’ANCIM Dott. Francesco Del Deo. Ad oggi il risultato maggiore ottenuto è stato solo qualche incontro con le Amministrazioni Locali ed una risposta dalla Segreteria di Stato Città del Vaticano da parte dell’Assessore Mons. L. Roberto Cona il quale asseriva che non è compito loro intervenire. Adesso mi rivolgo a Lei Presidente Mattarella affinché possa spendere qualche parola in maniera efficacie, magari con un sollecito al Ministro Speranza, al Governatore De Luca, al Dir. D’Amore, insieme ai Direttori Buono e Postiglione, quindi a tutti i sopra citati affinché CURINO L’ASPETTO SANITARIO DELL’ISOLA D’ISCHIA perché ad oggi si fa solo lo stretto necessario con STRAFOTTENZA E SUPERFICIALITA’, si pensa soltanto a potenziare strutture ospedaliere in terra ferma (che ben venga) riducendo il nostro unico plesso ospedaliero A. Rizzoli presente sull’Isola d’Ischia alla normale amministrazione né di più e né di meno, come ho sempre ribadito spero di cambiare opinione, ma al momento è così.

Ritengo ad oggi che sia di vitale importanza un altro aspetto che nessuno dei sopra citati prende in considerazione e cioè quello di rendere l’Isola d’Ischia “ZONA DISAGIATA”.

L’Isola d’Ischia è una grande realtà, a differenza di come si crede o meglio si cerca d’interpretare ed è INACCETTABILE che ad oggi nel 2022 con settantamila abitanti nel periodo invernale questi ultimi nel periodo estivo ne diventano duecentotrentamila se non di più, non avere un macchinario per la Pet-Tac e ne le Radioterapie, ancora si tarda nel porre fine a questo DISAGIO SANITARIO disumano.

La PREGO Sig. Presidente Mattarella di accogliere questo mio appello non solo per i pazienti oncologici ma bensì per tutta la comunità, ne abbiamo un disperato bisogno.

Io penso che si tratti di un problema sanitario nell’interesse della salute di tutti; pertanto le Istituzioni specifiche non dovrebbero sollevare eccezioni in termini di costi.

Infine Sig. presidente Mattarella la prego ancora una volta, il Vostro AIUTO è indispensabile, la Vostra parola può dare tanta speranza di prevenzione non solo per i pazienti oncologici, ma anche e soprattutto a coloro i quali godono di ottima salute, tutto ciò con l’augurio che in futuro si pianga di meno e si sorrida di più. Grazie».

1 commento

  1. Bravissimo!
    Per un’opportuna valutazione da parte di tutti noi dei livelli di ipocrisie e di disattenzioni potresti pubblicare le risposte degli Enti e dei “Personaggi” ai quali ti sei già rivolto?
    Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Ischia, arrestati due spacciatori: 103 dosi di cocaina per il mercato di Forio

Ieri sera gli agenti del Commissariato di Ischia, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato, presso lo...