venerdì, Marzo 5, 2021

Shades of Love 49 artisti esprimono il tema dell’ amore sul web in una mostra a cura di Ylenia Pilato

In primo piano

Il Consiglio di Stato tentenna… Ma a Lacco Ameno è guerra di denunce anonime

Attesa febbrile per la pronuncia dei massimi giudici amministrativi sulla sorte della “fascia tricolare”: rivince Pascale o è la volta di De Siano?. Con la guerra giudiziaria e politica, prosegue la stagione dei corvi. Denunce apocrife con accuse ai politici. Accusatori e accusati fanno parte tutti della stessa barca

Giosi Ferrandino: “Ischia non perdere l’occasione Recovery”

https://youtu.be/hXXKLSQURO8 Gaetano Di Meglio | Con l'eurodeputato PD, Giosi Ferrandino, una riflessione sul governo Draghi, le possibilità del Recovery Fund...

Reazione Caruso, asfaltato De Siano: “Vuol fare i paragoni sugli incassi del porto? Cosa ha fatto per Serrara Fontana da Senatore?”

L''interrogazione di De Siano contro Del Deo ha una reazione. Immediata, dura, precisa. E arriva dal sindaco di Serrara...

Anna Lamonaca | L’arte incontra l’amore. Dopo il successo dell’evento online NatalArt, prende il via una nuova iniziativa artistica dal titolo Shades of Love organizzata dall’artista Ylenia Pilato con la collaborazione di Lucia Vecchione della Emotion Design di Forio d’Ischia. 

L’arte è condivisione e coinvolgimento, è una possibilità di linguaggio per avvicinarsi e cercare un contatto, una sorta di dialogo con il pubblico contemporaneo che assiste all’evento in modalità virtuale. La società di oggi e quindi anche l’arte fanno fatica a comunicare un sentimento così nobile e antico qual’è  l’amore, si preferisce parlare di terrorismo, guerre, femminicidi, disastri naturali ecc. Shades of love invece cambia il punto di vista e incentra l’attenzione sull’amore e su ciò che è bello. I 49 artisti protagonisti sono: Anflo, Moreno Bregagnollo, Ciro D’Alessio, Salvatore Trentola, Felice Meo, Sarah Vicario, Mario Di Meglio, Claudia Rech, Salvo Salviani, Francesco Mazzella,  Barbara Lo Fermo, Dina Ferorelli, Giuseppe Tuzzi, Maurizio Rossi, Marcello Iacono, Carla Lauro,  Silvia Logi,  Rino Guadagnino, Luigi Battista, Antonio Magnano, Pasquale Mazzella, Francesco Terracciano, Anna Maria Di Meglio, Salvatore Fusco, Lisa Molinaro,  Davide Curci, Vincenzo Barbato, Clementina Petroni, Clara De Santis, Vincenzo Persico, Patrizia Antonucci, Umberto Argentino, Magda Kismet,  Ambrogio Castaldi, Beatrice Meyer, Giuseppe Luongo, Scillia Pino, Michele Caltagirone, Melina Cesarano,  Ylenia Pilato, Vincenzo Tesone, Valeria Marchio’, Maria Pia Ricciardi, Arca Annoiato, Gianni Adelante Mattera, Anna Lamonaca,  Antonietta Righi, Marianna Di Meglio, Fermina Migliaccio. La mostra intende affrontare uno dei sentimenti universalmente riconosciuti l’amore, ritraendo le diverse sfaccettature e le sue infinite declinazioni. Un amore felice, atteso, passionale, materno che si snoda lungo un “percorso” espositivo non convenzionale, caratterizzato da input visivi e percettivi di forte impatto. Amore è anche mettersi in gioco in prima persona, la scelta estrema fra ammirare e partecipare, la necessità,  ancor prima del piacere,  di esserci nell’opera. L’arte è anche scrittura e fotografia, a completare il caleidoscopico quadro di sensazioni, l’armonia dei versi poetici che rapiscono il cuore e la maestria degli scatti fotografici che catturano prima lo sguardo e poi il cuore. “Ho scelto questo tema perché l’arte è,  malgrado tutto, una grande dichiarazione d’amore”-afferma Ylenia la curatrice. Raccontare l’amore non è dunque un compito dell’arte, è la sua essenza stessa, la sua natura,  il suo scopo, il suo ultimo pensiero. L’obiettivo è di celebrare con quest’evento a tema il mese dedicato agli innamorati e di diffondere l’arte contemporanea e la cultura dell’amore tra le giovani generazioni attraverso i social. Il messaggio che s’intende veicolare è quello di un recupero dei valori autentici dell’amore inteso nella sua accezione più alta di sentimento sublime e idealizzato, di tensione e aspirazione dell’imperatore al perfetto come espresso nella concezione platonica.

La tematica dell’amore, dunque,  ben si sposa con il concetto di “esposizione” seppur virtuale in quanto entrambi tendono alla bellezza che può manifestarsi sia in forma materiale e tangibile così come in quella spirituale. 

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli

In nome del DPCM, aprite le scuole! Siamo seri, responsabili e “vaccinati”

Gaetano Di Meglio | C'è qualche sindaco che ha voglia di difendere i figli di Ischia e ha voglia...
- Advertisement -