fbpx

Scippa una turista a Napoli, arrestato ad Ischia

Brillante operazione degli uomini del ViceQuestore Stefania Grasso

Must Read

Gli uomini della Polizia di Stato coordinati da ViceQuestore Aggiunto Stefania Grasso appartenenti alla squadra mobile di Napoli sez. antirapina, nella giornata di oggi hanno collaborato all’identificazione e al fermo di Marinelli E. nato a Napoli nel 1991,  responsabile di uno scippo a Napoli in via Speranzella, nei confronti di una turista francese.

Durante il furto lo stesso aveva avuto una colluttazione con un poliziotto intervenuto libero dal servizio, ma lo stesso è riuscito a divincolarsi e a darsi alla fuga unitamente al suo collaboratore. Effettuate le indagini la squadra mobile di Napoli è risalita, tramite il numero di targa dello scooter, al proprietario dello s tesso che era guidato da Marinelli e sono risaliti alla dimora attuale del ragazzo, in via Spiaggia dei Pescatori n.40 ad Ischia. Giunti sul posto i militari hanno trovato Marinelli all’interno dell’appartamento assieme ad altre tre persone, anch’esse identificate. Da una perquisizione effettuata a carico di Marinelli sono stati trovati due orologi di marca da valutarne l’effettiva originalità.

Accompagnato negli uffici della Polizia di Stato di Ischia è stato sottoposto alla identificazione di persona da parte dell’agente che era intervenuto durante il furto ed è stato posto in stato di fermo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

MAXIRISSA DA MOVIDA, ACCOLTELLATO FUORI AL NIGHT

I poliziotti grazie al sistema di videosorveglianza hanno potuto quantificare la partecipazione di 50 soggetti, tra “muschilli”, minorenni sparsi un po’ ovunque e tanti maggiorenni. La vittima è un casertano in vacanza sull’isola, ma dopo le cure dei sanitari è stato dimesso dal “Rizzoli”. Non ha potuto fornire informazioni utili per individuare il responsabile
In evidenza

MAXIRISSA DA MOVIDA, ACCOLTELLATO FUORI AL NIGHT

I poliziotti grazie al sistema di videosorveglianza hanno potuto quantificare la partecipazione di 50 soggetti, tra “muschilli”, minorenni sparsi un po’ ovunque e tanti maggiorenni. La vittima è un casertano in vacanza sull’isola, ma dopo le cure dei sanitari è stato dimesso dal “Rizzoli”. Non ha potuto fornire informazioni utili per individuare il responsabile