Scavando nel “cascione” | #4WD

Daily 4ward di Davide Conte del 25 marzo 2020

0

Le limitazioni alla nostra abituale libertà scaturite dall’emergenza coronavirus hanno portato molti di noi a vivere di più la casa e di porsi a caccia di ricordi per un tempo insperato, utile a rinvenire storie di vita che è sempre bello rispolverare con un briciolo d’emozione. Tra questi, nel mio “cascione”, è venuto fuori un servizio filmato che non ricordavo affatto di aver conservato. Era il 1987! Ad Ischia si faceva calcio sul serio, con soldi veri, ma soprattutto con imprenditori e politici di autentica sostanza e qualità, che oggi non sono più tra noi. Raiuno dedicò ad Ischia e all’Ischia un servizio della durata di oltre otto minuti, andato in onda nel cuore di un’importante trasmissione sportiva dell’epoca. L’ho condiviso ieri sul mio profilo Facebook (visibile qui) quale testimonianza di quanto il calcio che conta possa rappresentare un importante volano per una località come la nostra. Un calcio, quello professionistico, che sarebbe ancora ampiamente alla portata dell’Isola: basterebbe meritarlo con il sacrificio di tutti!
L’Ischia militava per la prima volta in serie C1. Il Presidente era il grande Dott. Roberto Fiore, ispiratore di quello che, da ormai trentatré anni suonati, è il mio lavoro, che cominciò per Deltastudio proprio con la concessione in esclusiva della cartellonistica pubblicitaria nello stadio. All’epoca, la passione gialloblù pulsava ancora tra le mura del “Rispoli”, per poi trasferirsi poco dopo al “Mazzella”. Andare allo stadio era una gioia senza pari, anche quando eri costretto a stare letteralmente stipato tra la folla, in condizioni di sicurezza pari allo zero e, magari, sotto “l’acqua ‘e cielo”. Le cose non andavano poi tanto meglio per i giocatori in campo, costretti a giocare su terra battuta e, quando pioveva, in un mare di fango, con palloni che, a differenza di quelli attuali, pesavano un accidente. Ma andava bene così. A tutti.
Altri tempi. Altri uomini. Altra Ischia, dentro e fuori lo stadio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui