fbpx
HomeprimopianoSant'Angelo: passo indietro della commissaria, ecco la nuova ordinanza salva musica e...

Sant’Angelo: passo indietro della commissaria, ecco la nuova ordinanza salva musica e “accendi rumore”

Gli ex amministratori di Serrara Fontana facenti capo al gruppo di Rosario Caruso hanno vinto! Il commissario prefettizio dott.ssa Sabrina D’Angeli ha nettamente ridotto i divieti contenuti nella precedente ordinanza di sospensione delle attività edilizie private e dell’utilizzo di macchine ed attrezzature rumorose.

Caruso e compagni contestavano sia l’impossibilità per molti privati di poter procedere a ristrutturazioni utilizzando i bonus previsti, sia le eccessive limitazioni per le attività musicali. Penalizzando dunque cittadini, imprese edili ed attività economiche. Tutti divieti – evidenziavano – che avrebbero comportato gravi ripercussioni sull’economia locale in un momento in cui è essenziale una ripresa per uscire dalla attuale gravissima crisi.
Ebbene, dopo l’istanza presentata a tambur battente dall’ex sindaco e dal suo gruppo, il commissario D’Angeli ha compiuto un deciso passo indietro recependo la richiesta. La nuova ordinanza, che sostituisce la precedente, si limita infatti a disporre la sospensione dell’attività edilizia non urgente o indifferibile.

E soprattutto, il divieto in vigore fino al 30 settembre vale solo per il borgo di Sant’Angelo e non per l’intero territorio comunale.
Il commissario dunque ordina «che dal 10 giugno al 30 settembre 2021 nel borgo di Sant’Angelo e, segnatamente, a partire dal Piazzale Cava Grado fino a giungere nel sopraccitato borgo, costituito dalle zone a traffico limitato di Sant’Angelo e della Madonnella, già disciplinate con precedenti provvedimenti, sono sospesi i lavori edili non urgenti e indifferibili». Divieto, si ricorda, che già in precedenza non valeva per i lavori eseguiti da Enti pubblici, erogatori di servizi o di somma urgenza.

Niente divieto di utilizzo di motozappe o altre apparecchiature, né di emissioni musicali. Il tutto ovviamente – si spera – nel rispetto del vivere civile e delle varie normative in materia. Dunque non più una estate totalmente “ingessata”, ma ci si augura nemmeno troppo rumorosa…
Restano invariata la possibilità di deroghe così come l’applicazione delle sanzioni per i contravventori.

Gli altri articoli
Related News
- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui