Salti della quaglia e coerenza | #4WD

4WARD today di Davide Conte di Mercoledì 27 Novembre 2019

0

Nel 2012, con Giosi Ferrandino sindaco d’Ischia, cominciarono cinque anni di passione (nel senso cattolico del termine) per me, la mia famiglia e l’azienda che vi fa capo. Fui eletto consigliere di minoranza e per cinque anni di fila rispettai appieno il ruolo ricevuto dall’elettorato, senza farmi abbindolare dalle appetibili lusinghe di una maggioranza che avrebbe fatto di tutto per trasformare un avversario fortemente scomodo in un nuovo alleato allineato e coperto, ma che mai trovò in me sponda utile a tale scopo.

Per quest’inguaribile coerenza, ho ricevuto attacchi continui sul piano personale, familiare e professionale per l’intero mandato consiliare e anche oltre, nonostante al termine del quinquennio mantenni l’impegno con me stesso e i miei cari di non candidarmi più da consigliere, abbandonando la politica locale a testa alta e senza alcun rimpianto.

Come i miei colleghi di minoranza dell’epoca, protagonisti di lì a poco di quel vergognoso “caularone” per garantire la rielezione a mani basse di Giosi nel 2017, ancora oggi sono tanti i perdenti, o addirittura gli esclusi, che hanno imboccato la strada del rientro dalla finestra del trasformismo, sporcandosi la faccia pur di rimettersi in gioco e tornare al potere al fianco degli acerrimi nemici di poco più di due anni fa. Ma la cosa grave non è tanto la loro pochezza umana e politica, quanto l’incapacità di far tesoro di esempi lampanti e continui utili a dimostrare che chi è abituato a tradire non smetterà mai di farlo, ma soprattutto dei pericoli che insidiano chi compie il salto della quaglia, sovente ritrovatosi impallinato dallo stesso carnefice che in passato, usandolo, lo aveva accolto nel suo nido nel momento del bisogno.

Ancora oggi, a testa sempre più alta e senza alcun legame di palazzo, sono orgoglioso della mia coerenza; un valore che conservo gelosamente e che mi consente di restare distinto e distante da certa feccia che con la politica e col bene del Paese nulla avrà mai a che fare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui