fbpx

“Saccenza” Ischia e i 6 abbagli del PUC di Serrara Fontana

Fact checking sull’intervento di Progetto Ischia in merito allo strumento urbanistico del comune al voto. Che arriva con 730 giorni di ritardo....

Must Read

Gaetano Di Meglio | Prima di andare avanti e pensare all’attuale elezione è necessario fare un passo indietro di cinque anni. Al primo consiglio comunale con la rielezione di Rosario Caruso, Roberto e Palma Iacono costituirono in consiglio comunale il gruppo politico “Progetto Ischia”. Un passo formale che portava il soggetto di “Luigione”, ufficialmente, nel civico consesso di Serrara Fontana. Una presenza ufficiale che ha terminato la sua efficacia con le dimissioni dei sette il 13 maggio 2021.
Quindi, per gli amici poco attenti, Progetto Ischia di Roberto e Luigione è in consiglio comunale da cinque anni.

In campagna elettorale, con un post facebook, pubblicato più volte e ripreso anche da alcuni media, Progetto Ischia ha condannato il lavoro realizzato per il PUC e lo ha fatto con alcune motivazioni che meritano attenzione: un mare di cazzate messe insieme che la metà bastano…
Prima di procedere, però, è giusto che si dica ai lettori che questa è una mera azione di Fact-checking: ovvero verifichiamo se quello che ha scritto un politico è vero, falso o fuorviante o tendenzioso
“Elezioni a Serrara Fontana. Un parco pubblico sull’Epomeo? Le case a condono saranno demolite? Fermiamo il piano urbanistico. ecco perché.”
Questo è il titolo. E’ previsto un parco pubblico sull’Epomeo nel PUC? NO!, ma lo vedremo in seguito.

Progetto Ischia si chiede: “Le case a condono saranno demolite?”. Noi ci chiediamo che nesso ha il PUC con le istanze di condono presentate a Serrara Fontana?
Che connessione ha il PUC con le RESA o le demolizioni? NESSUNO!

Gli abusi di Serrara Fontana hanno determinato creazioni di nuovi quartieri (non esistono abusi concentrati)? Ecco, il PUC non ha nessun collegamento con tutto questo.

Leggiamo il resto del comunicato e troverete in grassetto le nostre risposte.

01 “Il Piano urbanistico comunale. Chi lo conosce? Crediamo solo gli addetti ai lavori, coloro che a Serrara Fontana e sull’isola svolgono la professione di ingegneri, architetti o geometri e amministratori e dipendenti comunali del settore. E qualche cittadino informato dai primi. La gran parte della popolazione ne è all’oscuro. Eppure il PUC riguarda le case, i terreni, i negozi, le strutture alberghiere, gli immobili a condono e tutti gli altri edifici realizzati dai cittadini nel Comune.”
01 Il comune di Serrara Fontana è stato l’unico comune dell’isola d’Ischia che ha organizzato un incontro con il pubblico sul PUC il 9 settembre 2019. Del PUC di Serrara Fontana ne hanno parlato tutti i media isolani. E’ l’unico comune isolano che ha permesso il confronto tra la cittadinanza e il prof. Ferrara, curatore dell progetto, e che ha alimentato un dibattito nel merito di questo prezioso strumento.

02 Ebbene: l’Amministrazione uscente ha lavorato su questo piano per oltre cinque anni limitandosi a consultare gli esperti senza coinvolgere la cittadinanza in maniera adeguata. È mancata l’informazione, il più chiara, completa e diffusa possibile, ma anche un momento di dialogo e confronto vero.
02 All’incontro pubblico del 2019 Roberto Iacono e Palma Iacono erano assenti e, con loro, Progetto Ischia. Da settembre 2019 ad oggi sono stati in silenzio senza dire una parola sul PUC. Se credevano nel disastro di questo strumento, non era opportuno evidenziare il disastro di questo piano nel 2019 e non nel 2021 durante la campagna elettorale? Non avendo argomenti, non conoscendo la storia del territorio, vivendo al Nord, distratti da quello che accade a Serrara Fontana il tentativo di Progetto Ischia è inutile!

03 Il Piano preliminare portato avanti dall’Amministrazione uscente, come predisposto dai tecnici incaricati, doveva essere approvato entro il 31 marzo scorso ed adottato entro il termine perentorio del 30 giugno, mentre invece ha dovuto provvedervi da ultimo il Commissario.
03 Come mai il PUC è stata adottato dal Commissario e non dalla passata amministrazione? Il 13 maggio, Roberto Iacono e Palma Iacono, insieme ad altri 5, sfiduciano il sindaco Caruso. Chi ha prodotto la firma del Commissario?

04 Entro il 31 dicembre prossimo il Comune dovrà pronunciarsi sulle domande di condono edilizio presentate ai sensi della Legge n. 47/1985, capo IV, e della Legge n. 724/1994, articolo 39. Mentre non si hanno certezze sulle altre pratiche di condono. Cosa succederà? Saremo travolti da ordinanze di demolizione?
04 E’ da anni che la Regione Campania nella sua legge di stabilità posticipa il termie per l’esame delle istanze di condono presentate su tutto il territorio regionale. Se non lo facesse potete immaginare cosa accadrebbe non solo a Serrara Fontana: una ecatombe! Ma, attenti, tutto questo cosa c’entra con il PUC? Nulla. La questione condono non si affronta con il PUC. Progetto Ischia ha solo provato a strumentalizzare il dramma demolizioni.

05 Ancora: tra gli obiettivi del Piano è prevista “l’adozione di soluzioni creative per un parco della vetta dell’Epomeo di tipo innovativo”. Quale sarebbe il progetto?
05 BUGIA. La redazione del PUC di Serrara Fontana ha previsto anche un’analisi SWOT dei vari aspetti presi in considerazione. L’analisi SWOT (conosciuta anche come matrice SWOT) è uno strumento di pianificazione strategica usato per valutare i punti di forza, le debolezze, le opportunità e le rischi di un progetto o in un’impresa.
Leggiamo la parte che riguarda il PUC di Serrara Fontana nel riquadro: “TERRITORIO”.
PUNTI DI FORZA: gestione esclusiva della cima dell’Epomeo per visite ed escursioni; PUNTI DI DEBOLEZZA: insufficiente considerazione delle risorse storico-culturali; RISCHI: calo dei visitatori di qualità; OPPORTUNITÀ: adozione di soluzioni creative per un “parco della vetta dell’Epomeo” di tipo innovativo. Questa è una opportunità, una previsione, un’idea: non c’è nessun progetto! Si doveva prevedere l’abbandono e il degrado?

06 La sperimentazione-costituzione di un “Geoparco”, per fare dell’isola un nodo di una rete internazionale (Club Alpino Italiano, UNESCO). Può essere anche una bella idea, ma è giusto fare scelte così rilevanti senza un confronto trasparente con i cittadini almeno in questa campagna elettorale?
06 Altra strumentalizzazione di chi non conosce e non legge. Il PUC di Serrara Fontana si struttura su cinque grandi punti per guardare al futuro: SANT’ANGELO, IL SISTEMA EPOMEO, LE SEDI UMANE, LA CAMPAGNA ABITATA e i GEOSITI.
Leggiamo insieme la PREVISIONE, l’IDEA: “La qualità, le diversità e la ricchezza intrinseca di queste manifestazioni geologiche hanno proposto in tutta l’isola d’Ischia un’attenzione particolare verso la costituzione di un geoparco che possa avere il riconoscimento UNESCO. In questo quadro Serrara Fontana eccelle in modo peculiare, per un’offerta straordinaria di mete che non è esagerato definire spettacolari (Epomeo, Pizzi Bianchi, Cava Scura, fumarole sulla spiaggia di Maronti, ecc.). Perfino il parcheggio di Cava Ruffano presenta importanti “piramidi di terra” che insieme ad altre appaiono oggi incredibilmente dimenticate o comunque non sottoposte ad una politica di conservazione e gestione. Per questi motivi il PUC propone su questo punto un’attenzione” Qualcuno è contrario a mettere in evidenza, preservare e tutelare queste zona dal punto di vista GEOLOGICO? Davvero prevedere uno sviluppo del territorio che tenga conto delle sue grandi qualità geologiche è una colpa o un danno?

Roberto Iacono e Progetto Ischia vogliono parlare di Serrara Fontana e della programmazione del territorio con 730 giorni di ritardo rispetto agli atti pubblici dell’amministrazione comunale uscente… Leggere: “per questo pensiamo sia necessario fermare il procedimento di approvazione del Piano Urbanistico Comunale e rimetterlo su un percorso corretto, aprendo una discussione pubblica partecipata e trasparente, con tutti i cittadini interessati e non solo con pochi addetti ai lavori, e solo dopo approvarlo in via definitiva” fa ridere per più motivi.

Il primo, Cesare Mattera e i suoi 2 assessori uscenti dovrebbero dire che hanno sbagliato tutto e che, sono disposti al commissariamento da parte della Regione Campania per l’approvazione del PUC. Se si blocca l’iter di approvazione del PUC ed il comune viene commissariato su questo tema, siamo sicuri che il commissario farà un lavoro migliore dell’attuale? Chi pagherà questo lavoro? A questa domanda è facile rispondere: i cittadini di Serrara Fontana!
Diciamocelo, è sempre difficile parlare 730 giorni dopo. 730!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In evidenza

Tragedia. Uomo colto da malore, muore sulla strada di casa

Venerdì di dolore e di sgomento. La quiete della comunità isolana e della comunità di Casamicciola Terme, sono state...